Milano, Elfo Puccini #Inscena “Lear” di Edward Bond

Share post:

di Gaiaitalia.com

 

 

 

 

Lisa Ferlazzo Natoli ha coinvolto Elio De Capitani nel suo articolato progetto sul teatro di Bond, chiedendogli di interpretare Lear nel nuovo allestimento dello spettacolo firmato nel 2015. Una scelta maturata dopo averlo diretto nel radiodramma The Testament of This Day (un altro tassello del progetto) e dopo che Bond stesso, ascoltando questa sua interpretazione, lo aveva sollecitato scrivendogli: “Elio, play this sometimes please!”.

Da Shakespeare fino a Kurosawa e allo stesso Bond, tutti i Lear, vecchi stregati da una hybris insensata, compiono il doloroso viaggio dalla cecità dell’anima indotta dal potere, fino a giungere a una certa misura di umanità che fa scoprire loro di essere un corpo nudo esposto alle tempeste della natura e della vita.

Ma nel suo Lear Bond analizza la violenza del potere autocratico di Lear – e la sua cecità, che potrà cessare solo quando le sue stesse figlie gli faranno cavare gli occhi – come frutto di un desiderio di protezione autarchica, di difesa del regno dall’assalto esterno attraverso la costruzione di un gigantesco muro che tenga fuori tutti i nemici visti come barbari. Ogni sforzo, ogni sopruso, ogni crudeltà sono giustificati dalla necessità di difendere lo Stato: solo dopo che il muro sarà finito, si potrà essere gentili e umani, ora no. Lungo il suo viaggio verrà deposto, sconfitto dalle sue stesse figlie (eredi della sua violenza e cecità) e sconfitto anche da chi ai suoi occhi diventa come una vera figlia, anche se adottiva, l’inedita Cordelia creata da Bond, la moglie di un contadino che si mette a capo di una grande rivoluzione popolare. Anche lei rimarrà imbrigliata nelle logiche del potere e della difesa della nuova patria rivoluzionaria e finirà per riprendere la costruzione proprio di quel muro che ormai Lear considera il più grande errore della sua vita.

Il testo, scritto da Bond negli anni settanta, è oggi più che mai attuale. Lisa Ferlazzo Natoli ha lavorato a stretto contatto con l’autore a una mirabile drammaturgia della necessità e dell’urgenza per adattare i trentacinque personaggi a un cast di otto attori con Elio De Capitani nel ruolo di Lear e con Fortunato Leccese, Anna Mallamaci, Emiliano Masala, Alice Palazzi, Pilar Perez Aspa, Diego Sepe, Francesco Villano.

 

 

 

 

(11 aprile 2017)

 




 

 

©gaiaitalia.com 2017 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 



 

 

potrebbero interessarvi

I tour virtuali di BergamoScienza 2022. Un grande ritorno

di Redazione Cultura A partire da domani, martedì 4 ottobre, torna a BergamoScienza, per il terzo anno consecutivo, la serie...

Luce, materia e colore. Guerrino Tramonti a Milano nel trentennale della scomparsa

di Redazione Milano La Fondazione e il Museo Guerrino Tramonti APS di Faenza sono lieti di presentare presso lo...

A Gazoldo degli Ippoliti (Mn) dal 29 settembre al 9 ottobre 2022 l’VIII edizione di “Raccontiamoci le mafie” 

di Redazione Mantova Giovedì 29 settembre prende il via l’VIII edizione di “Raccontiamoci le mafie”, la rassegna culturale organizzata...

Scannatoio post-elezioni a destra. Cazzotti tra Moratti e Fontana

di Giancarlo Grassi Siccome le elezioni scaldano gli animi e nutrono l'arroganza, soprattutto quando sono elezioni perse, era nell'aria il...
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: