PubblicitàAttiva DAZN
5.8 C
Milano
16.8 C
Roma
PubblicitàAltroconsumo Investi

MILANO

Pubblicità

MILANO SPETTACOLI

HomeComune di MilanoMilano, Area C: online il modulo per la richiesta deroghe

Milano, Area C: online il modulo per la richiesta deroghe

SEGUITE GAIAITALIA.COM MILANO anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Gaiaitalia.com, #Milano

 

 

 

Dopo la proroga fino al 14 ottobre prossimo delle deroghe per i veicoli di trasporto merci ai quali è vietato l’ingresso nella Ztl dei Bastioni “Area C” nella fascia oraria tra le ore 8.00 e le ore 10.00, sono state introdotte semplificazioni importanti per la richiesta di accesso in deroga alle categorie che ne hanno diritto.

Per venire incontro alle necessità di chi deve entrare in Area C negli orari di divieto da domani, mercoledì 14 giugno, sarà possibile accedere alla deroga con una modalità semplificata e in totale autonomia attraverso il sito MyAreaC alla pagina  fino a 24 ore dopo l’accesso nella Ztl dei Bastioni. Per alcune tipologie di trasporto merci la richiesta di deroga potrà avere validità per tutto il periodo della sperimentazione, quindi fino al 14 ottobre.

Il divieto di accesso per i veicoli trasporto merci tra le ore 8 e le ore 10 è stato introdotto lo scorso 13 febbraio per ridurre la congestione nella fascia di punta del mattino e per dare un impulso alla riorganizzazione della distribuzione delle merci in città.

L’introduzione del divieto di accesso per i veicoli destinati al trasporto merci, ha determinato un positivo decremento pari a 1.100 transiti con una variazione del -38% sulla fascia oraria rispetto al medesimo periodo dell’anno precedente.

Con l’istituzione del divieto, oltre a prevedere una premialità di natura ambientale per i veicoli elettrici, sono state individuate alcune categorie la cui domanda è strettamente legata proprio a questa fascia oraria. Ad esse è stata riconosciuta la possibilità di accedere in deroga al divieto.

 

 

(14 giugno 2017)





 

 

©gaiaitalia.com 2017 – diritti riservati, riproduzione vietata




 

 

CRONACA

Pubblicità

LOMBARDIA