Home / Copertina / Quel leghismo neosovietico che censura i gruppi di lettura perché “politici”

Quel leghismo neosovietico che censura i gruppi di lettura perché “politici”

di Redazione #Milano twitter@gaiaitaliacomlo #Cosa?!?

 

Dopo sette anni il Comune di Cinisello Balsamo dice stop ad un gruppo di lettura, trecento persone, mica due, perché l’assessora pretende – sulla base delle indicazioni di chi? – che sia il Comune a decidere quali letture il gruppo di lettura (ridondanza voluta) debba affrontare. La folle proposta di nemmeno troppo vago sapore sovietico viene denunciata da trecento cinisellesi e ripresa dal quotidiano Il Giorno che riprende la dichiarazione di Enrico Ernst, insegnante e coordinatore del gruppo, che dopo un incontro la l’assessora alla Cultura Daniela Maggi, ha ricevuto, secondo la sua dichiarazione, l’indicazione di sospendere l’iniziativa: “Ci era stato chiesto di poter decidere e controllare i temi alla base dei gruppi di lettura. Avevamo mostrato all’assessora un elenco di quattro tematiche tra le quali gli utenti avrebbero deciso autonomamente le letture da affrontare, ma ci è stato chiaramente detto che non potevamo essere noi a scegliere i temi e che il Comune avrebbe dovuto avere parte in causa nel controllo e nella decisione”. Roba da Minculpop e da controllo sovietico, anche che cultura.

Così i gruppoletturisti si sono radunati in piazza, trecento persone, un leggìo al centro della scena ed hanno cominciato a leggere. Poi sono partite le accuse. Da una parte loro, i lettori, che parlano di ingerenze ideologiche ed accusano la Lega Nord di non aver digerito il fatto che tra i temi proposti vi fosse anche un ciclo di letture dedicato al “relativismo degli stranieri” quando pensare che gli esponenti leghisti sappiano cos’è il “relativismo”è come immaginare che certi ministri imparino i verbi e dal Comune è partita la difesa: “abbiamo solamente proposto di ampliare le tematiche per rendere più vasto il pubblico” riaffermando però il diritto del Comune (diritto?) a verificare i contenuti del servizio.

Insomma, il Minculpop, ma più buzzurro.

 

 




 

 

 

(19 novembre 2018)

©gaiaitalia.com 2018 – diritti riservati, riproduzione vietata

 




 

 

 

 


 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi