Home / Gaiaitalia.com / A Milano la mostra triestina “Razzismo in Cattedra”

A Milano la mostra triestina “Razzismo in Cattedra”

di Redazione #Milano twitter@gaiaitaliacomlo #Razzismo

 

È stata inaugurata il 28 novembre al Memoriale della Shoah la mostra “Razzismo in Cattedra“, alla presenza dell’assessore Lorenzo Lipparini (Partecipazione, cittadinanza attiva e Open data), Roberto Jarach (Presidente Memoriale della Shoah Milano), Cesira Militello (Preside Liceo Petrarca), Marcello Flores D’Arcais (storico) e Mauro Tabor (assessore alla Cultura della Comunità ebraica Trieste).

La mostra, ideata e curata da alcuni studenti del liceo Petrarca di Trieste nell’ambito del progetto alternanza scuola-lavoro, ripercorre la cacciata dei professori e degli studenti ebrei dal liceo Petrarca nel 1938, ed era salita agli onori della cronaca nazionale qualche settimana fa a causa del veto sul manifesto promozionale imposto dal Comune di Trieste. Uno stop a cui il Comune di Milano aveva risposto con l’offerta di allestire la mostra in una delle sale di proprietà dell’Amministrazione.

La vicenda si era poi conclusa con il passo indietro del Comune di Trieste e con il successivo allestimento al museo Sartorio, ma l’invito del Comune di Milano non è caduto nel vuoto: grazie alla collaborazione con l’Università e la Comunità Ebraica di Trieste e con il sostegno del Memoriale della Shoah, la mostra arriva a Milano, dove sarà visitabile gratuitamente sino al 9 dicembre.

Portare a Milano la mostra realizzata dagli studenti del Liceo Petrarca di Trieste – commenta la preside Cesira Militello – , grazie all’invito da parte del Comune e alla generosità di tutti coloro che hanno sostenuto l’iniziativa,  costituisce non soltanto l’occasione di condividere alcuni documenti e testimonianze sul dramma delle leggi razziste a Trieste, ma anche l’opportunità di riflettere sulla necessità di mantenere una coscienza civile sempre vigile e attenta al rispetto dei diritti umani. Il lavoro svolto dimostra che anche un progetto di alternanza scuola lavoro, come quello realizzato dalla prof. Benussi con i ragazzi della attuale 5 I, può efficacemente collegarsi all’insegnamento di Cittadinanza e Costituzione.

L’allestimento della mostra richiama una classe liceale degli anni ’30, con una cattedra, alcuni banchi e una lavagna: uno scorcio di quotidianità scolastica che le leggi razziali hanno inevitabilmente cambiato. L’esposizione ricostruisce la vita, dal 1938 al 1945, dei professori e degli studenti ebrei cacciati dal Liceo Petrarca attraverso alcuni documenti originali provenienti dagli archivi del liceo e della Comunità ebraica triestina, dall’Archivio di Stato e da alcuni archivi privati.  Alla fine del percorso espositivo è stato anche proiettato il documentario “1938.Vita Amara”,  realizzato all’interno dello stesso progetto di alternanza scuola-lavoro da cui è nata la mostra.

All’inaugurazione hanno preso parte anche diciotto studenti del Liceo Petrarca, ospitati dalle famiglie degli studenti del Liceo Artistico Orsoline di Milano. La mostra è stata resa possibile grazie alla collaborazione di ItaliaCamp, Liceo Orsoline, B&B La casa, B&B Casa Titta, Chiara Alberti, Trediciottanta 1380.

 





(28 novembre 2018)

©gaiaitalia.com 2018 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi