Home / Cronaca Milano & Lombardia / Pestato perché gay, branco omofobo all’attacco

Pestato perché gay, branco omofobo all’attacco

di Redazione #Milano twitter@milanonewsgaia #NoOmofobia

 

E’ stato assaltato, è la sua denuncia, da un gruppo di una decina di persone che lo hanno identificato e quindi targettizzato come gay procedendo al pestaggio: pugni, calci e una bottiglia rotta in testa.  Col volto sanguinante e in stato di choc un giovane venticinquenne si è presentato a una pattuglia della polizia locale in servizio in corso di Porta Ticinese, una delle zone più frequentate della Milano di notte.

Scrive Repubblica: “Mi hanno circondato almeno otto persone, forse dieci, mi hanno insultato e picchiato perché sono gay”, sul posto anche i soccorritori del 118, che parla anche dell’omessa denuncia del giovane – anche se le forze dell’ordine stanno acquisendo le immagini delle telecamere di sorveglianza della zona di Porta Ticinese. L’aggressione in un orario in cui la zona è densamente frequentata, soprattutto da giovani e studenti che affollano i pub. Il lavoro degli investigatori continua.

 

 

(30 dicembre 2019)

©gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

 





 

 

 

 

 

 

 




Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi