Home / Cronaca Milano & Lombardia / Milano, morto operaio in cantiere M4. Si indaga per omicidio colposo

Milano, morto operaio in cantiere M4. Si indaga per omicidio colposo

di Redazione, #Milano twitter@milanonewsgaia #Cronaca

 

Un operaio, I.R. di 42 anni, al lavoro nel cantiere della nuova linea 4 della metropolitana di Milano è morto dopo esser rimasto schiacciato da un blocco di cemento a 18 metri di profondità. Sono stati i carabinieri della compagnia Porta Magenta ad indagare sulla sua morte. I militari, assieme all’Ats, stanno accertando le condizioni di sicurezza del cantiere. Secondo le prime informazioni Ielpo al momento dell’incidente indossava tutte le protezioni da cantiere, aveva il caschetto, i guanti e le scarpe antinfortunistica. Nella giornata di oggi, martedì 14 gennaio, il cantiere rimarrà chiuso in segno di lutto e una messa è in programma al campo base di Buccinasco.

L’operaio originario di Lauria, in provincia di Potenza, era un dipendente di Metrò blu, il consorzio di costruttori guidati da Salini Impregilo impegnato nella realizzazione delle opere di edilizia civile della linea 4 della metropolitana che collegherà Linate a San Cristoforo; l’entrata in funzione della linea è prevista per il 2022. Lo scorso ottobre si era verificato un altro infortunio sul lavoro sempre in un cantiere della linea blu. Un lavoratore di 61 anni era caduto da una impalcatura, da un’altezza di circa cinque metri, all’interno del cantiere della futura stazione di via Foppa. In quel caso, però, aveva riportato solamente traumi e contusioni.

Così scrivono, infine, in nota i sindacati Cgil, Cisle Uil:

È devastante scoprire che si può morire anche lavorando per una committenza pubblica, a Milano, a uno scavo per una nuova linea di metropolitana. Auspichiamo che si faccia al più presto chiarezza sulla dinamica dell’incidente e che si individuino le responsabilità.

 

Secondo le ultime indiscrezioni, la Procura di Milano ha aperto un’inchiesta per omicidio colposo. L’area è stata sequestrata e il procuratore aggiunto Tiziana Siciliano, del dipartimento “Salute, Sicurezza, Lavoro e Ambiente”, sta andando in zona per un sopralluogo nel cantiere. L’indagine dovrà accertare eventuali violazioni delle norme antinfortunistiche.

 

 

(14 gennaio 2020)

@gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

 




 

 

 




Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi