Home / Coronavirus / Pio Albergo Trivulzio, “Violate le norme per il contenimento del Coronavirus”

Pio Albergo Trivulzio, “Violate le norme per il contenimento del Coronavirus”

di G.G. #Coronavirus twitter@milanonewsgaia #Milano

 

Conclusa l’ispezione del Ministero della Salute sul Pio Albergo Trivulzio, quella storiella che la proposta della quattro “d” di Fontana (manca la quinta, la “d” di demenziale), serve a nascondere. Si è conclusa non bene, diremmo, per la Regione Lombardia, né per la gestione del Pio Albergo Trivulzio inconsapevole giustiziere della magagne politiche lombarde. Sulla questione riferirà alle sedici la sottosegretario Sandra Zampa, in un’apposta interrogazione parlamentare.

Zampa è stata intervistata questa mattina da Massimo GianniniRadio Capital ai microfoni di Circo Massimo, dai quali ha affermato che erano state date “disposizioni a tutti di non far entrare possibili contagiati. Invece qualcuno deve avere portato il virus nella struttura” perché “il virus non vola nell’aria“. Bisogna quindi “verificare se sono stati fatti tutti i controlli possibili”. Zampa ha poi aggiunto che le “disposizioni erano valide per tutti, non solo per la Lombardia. Sia l’Istituto Superiore di Sanità che una circolare del Ministero imponevano di controllare l’ingresso di possibili casi positivi. Invece lì c’è stato un numero di decessi anomalo, molto alto”, sottolineando che la questione è “molto delicata”.

Zampa (PD) non c’è andata giù leggera nemmeno con la Giunta Fontana: “Dal primo giorno la loro politica è stata quella di disattendere le indicazioni del governo e di andare in direzione contraria e prendere le distanze. Questo è avvenuto per ragioni politiche. Dovremmo chiederci come mai la Lombardia abbia un numero di contagiati sproporzionatamente alto rispetto alle altre regioni“.

Così la prima ispezione del Ministero, attendiamo che la sottosegretario riferisca alle 16 in Parlamento, mentre la giunta leghista, uno dei quali assessori si augurava “che finita questa emergenza Conte venga e ne prenda tante”, si inventa il depistaggio impraticabile chiamato piano per la “nuova normalità” in Lombardia. che doveva probabilmente servire, nei progetti di Salvini, a non parlare del Pio Albergo Trivulzio. Un ennesima vergogna leghista.

 

(16 aprile 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

 





 

 

 

 

 

 

 




Share and Enjoy !

0Shares
0 0

2 commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi