Bernardo da Milano: “O mi date i soldi per la campagna elettorale o mi ritiro”. O della granitica unità della destra

Condividi:

di G.G., #Politica

Non l’ha mandato a dire, lo commenta e lo scrive Repubblica, il candidato sindaco della destra Bernardo, indimenticabile candidato oltre ad essere direttore del Dipartimento di Pediatria dell’ospedale Fatebenefratelli: “Se entro lunedì tutti i partiti della coalizione non versano le quote per la campagna elettorale, convoco una conferenza stampa e annuncio che mi ritiro dalla tenzone elettorale. Così non si può andare avanti”. Perché nessuno sta qui a pettinare le bambole…

La campagna elettorale si paga coi soldi, si racconta con slogan vuoti e si inventa con programmi che voi umani non potete nemmeno immaginare. Bernardo l’ha tirata nei denti alla granitica unità della destra venerdì scorso (17 settembre) sempre secondo quanto scrive Repubblica.

Esiste un sonoro, che Repubblica ha pubblicato, ma che sul giornale non si trova più, che dice proprio quella roba lì e che è stato inviato via chat su Whatsapp ai coordinatori delle forze della coalizione, prima di una riunione. “Se entro questa settimana non arrivano da tutti partiti almeno 50mila euro a testa per andare avanti con la campagna elettorale, che sta costando molto di più, mi ritiro. Ringrazio i partiti che lo hanno già fatto, ma se troverò sul conto corrente della campagna elettorale un riscontro diverso e non vedrò la sintonia da parte di tutti, torno a fare il mio lavoro che mi piace molto (…) Non servono telefonate o chiacchiere, io ci sto mettendo la faccia e per questo da un mese sono sotto attacco”. Ne parlano tutti i mezzi d’informazione d’Italia. Anche Radio 24 mentre scriviamo.

Ma dalla destra graniticamente unita silenzio. Non ne parla nessuno: nessuno dei grandi leader della destra che cambierà i destini dell’Italia, e lo dice dal 1994 e i risultati li abbiamo già visti tutti, uno dopo l’altro, nessuno proferisce verbo. E suona bizzarro perché hanno da dire su tutto, su qualsiasi cosa ed è divertente suggerire che cosa sarebbero stati capaci di gridare se qualcosa di simile fosse successo a qualcuno del PD

Del resto come recita la saggezza popolana del Bernardo candidato “E’ come se io andassi a comprare il latte dal lattaio senza soldi”. O meglio, è come presentarsi alle elezioni senza programmi, senza niente da dire e senza, forse, nemmeno sapere bene il perché. E poi doverne uscire a qualsiasi costo. O almeno provarci…

 

(18 settembre 2021)

©gaiaitalia.com 2021 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 



potrebbero interessarvi

Giarrusso annuncia “Entro nel PD” e si recapita a casa Bonaccini come un polpettone avvelenato

di Daniele Santi Alla volata finale dei quattro candidati alla segreteria del PD mancava una polpetta avvelenata e potendo fare...

Ingiurie sul web contro Liliana Segre: venti denunciati

di D.S. Poco importa che tra i venti denunciati a piede libero per le ingiurie postate sul web contro la senatrice...

ASA Milano incontra i candidati alle elezioni regionali della Lombardia

di Redazione Politica ASA-Associazione Solidarietà Aids ha deciso di iniziare il 2023 con un appuntamento “speciale”: un incontro sabato...

Matteo Messina Denaro, la politica si assuma le responsabilità di cercare e dare risposte su possibili coperture

di Massimo Mastruzzo* Sulla vicenda di Matteo Messina Denaro, risulta difficile credere possibile che nessun parlamentare, di qualsiasi forza politica,...
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: