Agitare l’odio prima dell’uso. O della nuova crociata di Meloni anti-migranti

Share post:

di Giovanna Di Rosa, #politica

Poteva dire tante cose giuste, nel senso di sensate: poteva dire che se un buon 50% della popolazione mondiale, quella povera, quella che la sua destra sovranista vuole che rimanga povera, rimane senza cure e senza vaccini il virus troverà sempre il modo di replicarsi in nuove varianti; poteva dire che sicuramente l’immigrazione potrebbe essere un veicolo di contagio ulteriore, ma che per fortuna i migranti vengono sottoposti a tampone non appena mettono piede in Italia, ma lei no.

La virologa, ora anche sociologa ed esperta di flussi migratori, la leaderessa Meloni, doveva attaccare a testa bassa Speranza. E doveva farlo a testa bassa e via Twitter, quindi ha detto una delle tante prime cose che le sono venute in mente, articolata male e scritta peggio, e destinata ai suoi elettori storici, perché gli altri han già capito e cominciano a lasciarla, persino nei sondaggi. Insomma un pensiero semplice. Di quelli usa e getta. Scriviamo, ci si incazzano sopra un po’, un’intenzione di voto in più  è guadagnata.

La nuova variante Omicron, della quale pochissimo si sa (se non che la portano i migranti, nella peculiare narrazione della virologa Meloni) anziché aprire un dibattito sano sulla necessità ed urgenza di portare i vaccini dove non ci sono, cioè in mezza Africa, in Asia, nelle nazioni dell’Est europeo che lo rifiutano, concordando strategie di comunicazione e di informazione, ha fatto rinascere nella favolosa destra sovranista italiana l’idea della necessità di agitare l’odio prima dell’uso. Pensieri articolati, concetti (i soliti tre: dio, patria e famiglia, ma che valgano per gli altri, mica per loro) e strategie nemmeno a parlarne. Loro criticano e le soluzioni devono trovarle gli altri.

Ciò che tutti hanno chiaro ormai, a parte i soliti, sembra sfuggire proprio a Meloni – italianissima leader tra tutti i leader d’Italia, di quei leader che come amano l’Italia loro non la ama nessuno, disposti persino all’autarchia pur di preservarla. E l’unica cosa chiara è che questa nuova variante, come ha dimostrato il tonfo delle borse di ieri, mette in pericolo la ripresa dell’economia mondiale, la convivenza civile, la ripartenza italiana e tutto ciò che abbiamo conosciuto fino ad oggi nel modo in cui l’abbiamo conosciuto.

Dunque una politica responsabile dovrebbe collaborare a trovare soluzioni invece di lanciare al vento accuse dai social contro fantomatiche epidemie scatenate dai migranti che partono “dalla Libia e dalla Tunisia” i cui porti dovrebbero essere sottoposti a “blocco navale”: praticamente una dichiarazione di guerra.

E’ che sono rimasti al 1922 questi qui. E non ce la fanno. Proprio non ce la fanno.

 

(27 novembre 2021)

©gaiaitalia.com 2021 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 

 

 



potrebbero interessarvi

Lombardia. Oltre 40mila persone cambiano il medico di base online

di Redazione Lombardia Numeri importanti per il nuovo servizio di scelta e revoca del medico di base in farmacia. Dal...

Lodi, oggetti contro le auto sulla A1: fermato 22enne

di Redazione Cronaca In evidente stato di alterazione psichica un giovane 22enne di origini egiziane, ha raggiunto l’aiuola spartitraffico e...

La perenne campagna elettorale nasconde quasi duemila drammi taciuti

di Alfredo Falletti Negli ultimi dieci anni si sono verificati oltre un migliaio di suicidi e quasi altrettanti tentativi di...

Milano, incendi di auto: la Polizia di Stato indaga 35enne e lo salva da suicidio

di Redazione Milano La Polizia di Stato, al termine di un'attività coordinata dalla Procura della Repubblica di Milano, ha indagato...
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: