PubblicitàAttiva DAZN
10.3 C
Milano
14.1 C
Roma
PubblicitàAltroconsumo Investi

MILANO

Pubblicità

MILANO SPETTACOLI

HomeL'Opinione MilanoIl capo ultras Luca Lucci agli arresti. Altro che "Allo stadio perché...

Il capo ultras Luca Lucci agli arresti. Altro che “Allo stadio perché il calcio lezione di vita”

SEGUITE GAIAITALIA.COM MILANO anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Daniele Santi

Il capo Ultras del Milan, Luca Lucci, è agli arresti accusato di traffico internazionale di droga insieme ad altri due esponenti degli “Ultras” rossoneri, altre persone sono ai domiciliari, uno di loro ha l’obbligo di firma. Lo sfregio all’antico detto “allo stadio perché lo sport maestro di vita” arriva dal capo della curva Sud del Milan, già condannato per un pugno sferrato ad un ultrà interista che nell’occasione perse un occhio e omaggiato dalla visita amichevole di Matteo Salvini ai tempi ministro dell’Interno.

Posto che il leader leghista si sceglie gli amici che vuole, anche se poi non può pretendere che ci si dimentichi di lui se da ministro dell’Internoamichevoli pacche sulle spalle ad un capo ultrà la cui violenza è provata da una condanna, la faccenda spaccio di droga-Lucci-ultras è di una tristezza infinita e di una pericolosità sociale spaventosa. E simili personaggi non dovrebbero essere esposti da figure politiche di primo piano ad una legittimazione, per quanto involontaria, ingiustificata ed ingiustificabile.

Le curve del tifo come grandi e affollatissime piazze sotto le quali nascondere i propri reati, i propri traffici, giustificare le proprie azioni illegali, utilizzare la propria violenza da capibranco. Insomma tutto il contrario dell’educazione all’onestà e ai valori raccontati quando si parla della realtà del calcio, venerandoli come dei moloch incrollabili.

La solita storia della realtà parallela che non esiste, ma depista.

 

(17 dicembre 2021)

©gaiaitalia.com 2021 – diritti riservati, riproduzione vietata

 




 

 

 

 

 

 

 



CRONACA

Pubblicità

LOMBARDIA