Autostrada Valtrompia, si rischia un epilogo tragicomico

Share post:

di Massimo Mastruzzo*

Quando in una nave il timoniere si lascia guidare solo dalla bussola del potere economico, il rischio è di lasciarsi spingere inconsapevolmente alla deriva dal vento accecante del denaro. La Lombardia che si è impegnata in una crescita a dismisura, consumando avidamente risorse territoriali e ambientali, sta divenendo di fatto un immenso insediamento economico e umano, votato quasi unicamente alla produzione di utili, a prescindere dalle conseguenze.

Stando a fonti ben accreditate il Corriere della Sera ha saputo che in una riunione tecnica tenutasi ieri (25 febbraio, ndr) la ditta che dovrebbe realizzare l’opera, la Salc-Salini, ha palesato ad Anas la sua volontà di rescindere il contratto. In tempi di rincari record dell’energia, che subiranno lievitazioni imprevedibili a causa della guerra, la ditta che ha aperto i cantieri a giugno è convinta a lasciare l’appalto. Il Governo vuole nominare un commissario straordinario, ma convincere la Salc a restare non sarà facile. A meno che quei 219 milioni (32.6 milioni a km) messi sul piatto per l’opera non lievitino ulteriormente così come i costi di bonifiche, energia e cemento. Al momento l’unica certezza è il rischio concreto che i tempi di consegna rischiano di dilatarsi ben oltre la consegna prevista 2025.

M24A-ET Lombardia a giugno 2020 aveva sottoscritto documento, che esprime la naturale declinazione del concetto di Equità Territoriale: declinazione politica e ambientale. Insieme a realtà locali, comitati, e associazioni, chiedeva al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti e al Ministro dell’Ambiente e della tutela del Territorio e del Mare di fermare e ripensare l’opera per la costruzione “dell’autostrada” della Valtrompia. Chiedendo un utilizzo diverso sul territorio bresciano di quei milioni stanziati per 7Km inutili di strada. Pensando a quello che deve essere la mobilità del futuro, sempre più compatibile con il rispetto dell’ambiente, e ponendo fine ad una vicenda tragicomica che ha evidenziato tutti i limiti della politica e dell’imprenditoria locali nel progettare il futuro. Oggi, per l’appunto si rischia un epilogo tragicomico.

*Direttivo nazionale M24A-ET
Movimento per l’Equità Territoriale

 

(27 febbraio 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 



potrebbero interessarvi

Lombardia. Oltre 40mila persone cambiano il medico di base online

di Redazione Lombardia Numeri importanti per il nuovo servizio di scelta e revoca del medico di base in farmacia. Dal...

Lodi, oggetti contro le auto sulla A1: fermato 22enne

di Redazione Cronaca In evidente stato di alterazione psichica un giovane 22enne di origini egiziane, ha raggiunto l’aiuola spartitraffico e...

La perenne campagna elettorale nasconde quasi duemila drammi taciuti

di Alfredo Falletti Negli ultimi dieci anni si sono verificati oltre un migliaio di suicidi e quasi altrettanti tentativi di...

Milano, incendi di auto: la Polizia di Stato indaga 35enne e lo salva da suicidio

di Redazione Milano La Polizia di Stato, al termine di un'attività coordinata dalla Procura della Repubblica di Milano, ha indagato...
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: