PubblicitàAttiva DAZN
17 C
Milano
17.1 C
Roma
PubblicitàAltroconsumo Investi

MILANO

Pubblicità

MILANO SPETTACOLI

HomeL'Opinione MilanoOperazioni politiche piene di eletti, ma senza elettori

Operazioni politiche piene di eletti, ma senza elettori

SEGUITE GAIAITALIA.COM MILANO anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Daniele Santi

Questi sono giorni nei quali la politica non ci fa mancare nulla. Assistiamo infatti al balletto delle scissioni, delle conte in Parlamento, della Lega primo partito, quell’altro secondo e gli equilibri e gli apparentamenti e quel cattivone di Di Maio e quella povera vittima di Conte. O viceversa.

Ma a soffermarsi un attimo si nota, al di là dei mal di pancia (non certo nostri) che le operazioni che si muovono sotto i nostri occhi sono operazioni di eletti che non sanno nemmeno se domani avranno elettori. Perché diciamocelo chiaramente: i partiti che in Italia godono di uno zoccolo duro di consensi, dicasi elettorato che li vota a qualsiasi costo, sono pochissimi: Lega, Fratelli d’Italia e PD e forse LeU con pinne varie. Si sta costruendo, lentamente, un elettorato liberal-democratico che guarda alle tre grazie Bonino-Calenda-Renzi, ma siamo agli embrioni. Tutti gli altri partiti sono suscettibili dei mal di pancia frequenti, anzi frequentissimi, di un elettorato un po’ ingenuo che rincorre chi dice la cosa più potente, e possibilmente semplice, e se promette il miracolo è meglio.

Questa è al momento una realtà difficilmente contestabile, anche se certamente tutto è contestabile, soprattutto quando si contesta senza saperne granché.

Detto questo se l’obiettivo è come sembra quello di una grande abbuffata pseudo-centrista con Di Maio, Carfagna, Brugnaro o Toti (vedremo chi sopravvive), Giorgetti – la benedizione augusta di Padre Enrico Franceschini è benvenuta – siamo proprio all’interno del delirio degli eletti che di elettori non ne hanno.

In mezzo ad accorpamenti guidati da cecità questi ignorano, o fingono di ignorare, che per votare il prossimo parlamento dimezzato toccherà ridisegnare i collegi, decidere una nuova legge elettorale che non sia una porcata alla porcellum, forse proporzionale, fare in modo che non ci siano regioni senza rappresentanza e lavorare per diminuire i possibili eletti (come il parlamento dimezzato vuole) anziché aumentarli, per evitare scannatoi.

Ma agli eletti senza elettori gli scannatoi sembrano piacere molto.

 

(22 giugno 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 

 



LOMBARDIA