E’ iniziata la battaglia per il Pirellone: è il “redde rationem” delle destre

Share post:

di Giancarlo Grassi

Non avendo capito nulla della recente batosta alle amministrative, nonostante Zaia che parla della vittoria delle destre a Belluno faccia pensare il contrario, le granitiche destre disunite su tutto, una delle cui leader osannava la Russia e Putin nel suo libro da duecentomila copie vendute – e poi ci si chiede come mai questo paese sia filo-Putin e da dove venga l’orrendo sentimento – ha iniziato la sua guerra interna per il Pirellone.

A dare la stura alla gravosa questione Donna Letizia Moratti del sono brava solo io messa lì da Berlusconi a guardia di Fontana e della sanità lombarda, che vedendo così da vicino la poltrona di presidente tutti i giorni si è fatta venire l’acquolina in bocca. Succedeva infatti che mentre gli elettori li prendevano a sberle nelle urne – prima che Salvini decidesse di chiedere umilmente la gestione collegiale delle politiche della Lega (no, non mi buttate fuori, senza cariche non vivo) – il segretario leghista e il suo vice Giorgetti fossero in missione al Pirellone per la protezione dell’aurea carica di Fontana che Meloni non vuole, Berlusconi nemmeno e la Lega neanche. Ma tocca fare il teatrino.

Ecco così che dopo le reazioni immediatamente successivo alla débacle – “O vinciamo al primo turno o siamo morti”, probabilmente perché sono “morti” – alla richiesta di incontri urgenti che non serviranno a nulla perché con Meloni leader del partito più votato della coalizione il problema non è più politico, è sessista e Berlusconi ha già fatto capire quale è la sua interpretazione politica della disfatta: le destre vincono se il candidato è di Forza Italia, è seguito il nulla. Dicasi discussione sul Pirellone. Sic et simpliciter.

Il berlusca parla molto, ma quando c’è da essere concisi come fanno i capi, non lo batte nessuno. Dunque la storia si riduce al “O i candidati di Forza Italia” e quindi comando io o delle granitiche destre rimangono giusto i mal di pancia. Che non sono i suoi.

Eccoci dunque alla nuova rincorsa delle poltrone, questa volta in Regione Lombardia, mica naturalmente per amore delle poltrone [sic] ma per il bene dell’Italia, quel bene che le destre vogliono così tanto da essere in rapporti politici con tutte le formazioni illiberali e antieuropee che siedono a Bruxelles; un bene grande così che vogliono soprattutto se l’italiano di cui raccontano di volere il bene vota a destra: in caso contrario si adatti.

 

(28 giugno 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 



potrebbero interessarvi

Lombardia. Oltre 40mila persone cambiano il medico di base online

di Redazione Lombardia Numeri importanti per il nuovo servizio di scelta e revoca del medico di base in farmacia. Dal...

Lodi, oggetti contro le auto sulla A1: fermato 22enne

di Redazione Cronaca In evidente stato di alterazione psichica un giovane 22enne di origini egiziane, ha raggiunto l’aiuola spartitraffico e...

La perenne campagna elettorale nasconde quasi duemila drammi taciuti

di Alfredo Falletti Negli ultimi dieci anni si sono verificati oltre un migliaio di suicidi e quasi altrettanti tentativi di...

Milano, incendi di auto: la Polizia di Stato indaga 35enne e lo salva da suicidio

di Redazione Milano La Polizia di Stato, al termine di un'attività coordinata dalla Procura della Repubblica di Milano, ha indagato...
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: