Donna Moratti di tutte le destre sbatte la porta e se ne va

Condividi:

di Giancarlo Grassi

Ci sono Calenda e Renzi che gongolano dietro le quinte, magari non così dietro, dopo le dimissioni dell’assessora al Welfare e vicepresidente (di sorveglianza) della Regione Lombardia, già ministra e presidente Rai, Donna Letizia Moratti di tutte le Destre, pronta per una nuova destra: quella del Terzo Polo, magari per correre alla poltrona di presidente del Pirellone.

Mentre Fontana era a Roma in altre faccende affacendato, Letizia Moratti ha annunciato le sue dimissioni dalla doppia carica di vicepresidente e assessora al Welfare per sopraggiunto “venir meno del rapporto fiduciario con il presidente Fontana” e anche perché, diciamolo, quando ti promettono una candidatura e la trombano così come se tu non esistessi, la cosa infastidisce. Donna Moratti non è una che si dimentica le cose. E in politica, fa bene ad essere com’è. Così alla prima occasione, avendo altresì altro di cui lamentarsi comprese le recenti assurde posizione del governo Meloni sul reintegri, vaccini e no vaccini, ha sbattuto la porta e alzato i tacchi.

Politicamente morta? Neanche a pensarci. CalendaRenzi non vedono l’ora di soffiare la Regione a Salvini che a furia di provarci riuscirà persino a perderla vista la perdita di fiducia di Fontana, sempre meno popolare, e la necessità di un ricambio avvertita da gran parte dei cittadini Lombardi soprattutto per quanto riguarda la Sanità pubblica, strangolata ormai da quella privata. Moratti potrebbe proprio essere la novità [sic] che mancava a rendere palese l’impossibilità di avere nomi e facce nuove, con nuove idee, al governo di questo paese.

La tristezza continua, con o senza Fontana o Moratti. Intanto il Pirellone ha affidato la Sanità a un senzalavoro, tal Bertolaso, forse qualcuno l’ha sentito nominare.

 

 

(2 novembre 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 



potrebbero interessarvi

Giarrusso annuncia “Entro nel PD” e si recapita a casa Bonaccini come un polpettone avvelenato

di Daniele Santi Alla volata finale dei quattro candidati alla segreteria del PD mancava una polpetta avvelenata e potendo fare...

Ingiurie sul web contro Liliana Segre: venti denunciati

di D.S. Poco importa che tra i venti denunciati a piede libero per le ingiurie postate sul web contro la senatrice...

ASA Milano incontra i candidati alle elezioni regionali della Lombardia

di Redazione Politica ASA-Associazione Solidarietà Aids ha deciso di iniziare il 2023 con un appuntamento “speciale”: un incontro sabato...

Matteo Messina Denaro, la politica si assuma le responsabilità di cercare e dare risposte su possibili coperture

di Massimo Mastruzzo* Sulla vicenda di Matteo Messina Denaro, risulta difficile credere possibile che nessun parlamentare, di qualsiasi forza politica,...
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: