PubblicitàAttiva DAZN
14.7 C
Milano
12.9 C
Roma
PubblicitàAltroconsumo Investi

MILANO

Pubblicità

MILANO SPETTACOLI

HomeLa ProvocazioneConvertito in legge il Decreto Lavoro. Il commento

Convertito in legge il Decreto Lavoro. Il commento

SEGUITE GAIAITALIA.COM MILANO anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Massimo Mastruzzo

Quello che doveva essere fatto, è stato fatto: il governo, che vede tra i principali detrattori del RDC la ministra Santanchè, ha convertito in legge il decreto lavoro. Il Parlamento ha approvato il testo della conversione in legge del decreto Lavoro con 154 voti a favore, 82 contrari e 12 astenuti – si attende ora la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

Il tutto prevede:

  • via il Reddito di cittadinanza, al suo posto arriva un sussidio che però che taglia fuori 400mila famiglie;
  • via i vincoli al lavoro precario previsti dal decreto Dignità, così che per le imprese diventerà più facile creare lavoro precari.

Il Reddito di Cittadinanza diventa Assegno di Inclusione e la nuova misura sarà applicata con specifici parametri che prevede di fatto una diminuzione dei soggetti beneficiari:

  • famiglie con componenti disabili o minori o over 60, con ISEE fino a 9360 euro annui;
  • famiglie composte solo da soggetti “occupabili” che possono lavorare  (tra i 18 e i 59 anni ) con  ISEE fino a 6000 euro annui;

le prime potranno fare richiesta di Assegno di inclusione (art 1 dl 48 2023) della durata di 18 mesi, rinnovabili. Per le famiglie con soggetti “occupabili” invece, una misura temporanea dicasi “Supporto per la formazione e il lavoro ” (350 euro) con durata massima 12 mesi, e l’obbligo di intraprendere il percorso di inserimento lavorativo previa registrazione al SIISL nuovo sistema informativo per l’inclusione sociale e lavorativa  che trasmette i dati dal competente Centro per l’Impiego. L’assegno  decade in caso di   rifiuto della prima offerta di lavoro congrua cioè:

  • contratto a tempo indeterminato senza limiti di distanza a tempo pieno o almeno part-time per almeno il 60% con stipendio previsto dal ccnl;
  • contratto a tempo determinato entro 80 km dalla residenza.

In estrema sintesi il componente occupabile del nucleo familiare, beneficiario dell’assegno di inclusione per la frequenza di corsi di formazione o di riqualificazione professionale, sarà tenuto ad accettare un lavoro in tutta Italia, ovvero un occupabile residente a Termoli, Palermo, Reggio Calabria, Campobasso ecc, dovrà accettare un’offerta di lavoro in Lombardia, Veneto, Piemonte, sia che si tratti di un lavoro a tempo indeterminato sia che si tratti di un contratto a termine di almeno 12 mesi.

Con il Decreto Lavoro cambiano anche alcuni aspetti dei contratti di lavoro, primi tra tutti quelli a tempo determinato. I contratti possono essere rinnovati ulteriormente fino a 24 mesi purché vi siano delle causali specifiche spiegate dall’azienda, ovvero i rinnovi senza applicare subito il contratto indeterminato devono essere giustificati da esigenze temporanee e straordinarie, per motivi di tipo tecnico, organizzativo e produttivo, o per la sostituzione di altri lavoratori. Ovvero i lavoratori dipendenti, possono assistere a più rinnovi di un contratto determinato prima dell’assunzione a tempo indeterminato.

Insomma quello che doveva essere fatto, è stato fatto.

 

 

(1 luglio 2023)

©gaiaitalia.com 2023 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 




 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


CRONACA

Pubblicità

LOMBARDIA