PubblicitàAttiva DAZN
9.3 C
Milano
9.6 C
Roma
PubblicitàAltroconsumo Investi

MILANO

Pubblicità

MILANO SPETTACOLI

HomeMilano & Lombardia PoliticaChiusa la prima conferenza regionale del PD "La Salute è un Diritto"

Chiusa la prima conferenza regionale del PD “La Salute è un Diritto”

SEGUITE GAIAITALIA.COM MILANO anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Redazione Milano

“Questa è la nostra prima conferenza sul diritto alla salute, è l’avvio di un grande cantiere che in realtà dovrebbe fare chi governa Regione Lombardia, cioè mettere in campo un grande confronto pubblico innanzitutto con le operatrici e gli operatori, le lavoratrici e i lavoratori, i professionisti, gli enti locali e il terzo settore sul futuro delle politiche in campo socio-sanitario. Il fatto che questo non avvenga è grave ed è la dimostrazione che il servizio sanitario regionale è straordinariamente malato, in ragione delle scelte sbagliate che sono state fatte da chi ha governato in questi anni. Abbiamo presentato ieri la nostra proposta di legge di iniziativa popolare proprio per, tra le altre cose, cancellare l’equivalenza tra pubblico e privato. La parola giusta è integrazione, col privato che sta alle regole e ai principi definiti da una programmazione. Bertolaso ci ha risposto che non c’è bisogno di nuove regole, che bisogna fare andare un po’ avanti le cose: rendiamoci conto che chi gestisce la macchina dice che bisogna gestire la macchina! E grazie! Gestitela! In questo Paese c’è una straordinaria questione di valori e di principi, noi vogliamo fare l’operazione politica Tina Anselmi, ripartiamo dai valori della riforma nazionale che fece questa grande donna, democratica, cattolica e antifascista, per un servizio sanitario nazionale migliore”

Così il capogruppo del Pd in Consiglio regionale della Lombardia Pierfrancesco Majorino ha concluso questa sera all’auditorium Testori di Palazzo Lombardia, a Milano, la prima conferenza regionale sulla salute del Pd lombardo. Dieci tavole rotonde, centodieci ospiti, più di millecinquecento partecipanti e la conclusione della segretaria nazionale Elly Schlein, che da qui ha annunciato che la battaglia per aumentare le risorse per il servizio sanitario nazionale e portarle al 7,5% del prodotto interno lordo riparte con una proposta di legge che vedrà lei come prima firmataria.

Già nei giorni prossimi il Partito Democratico lombardo raccoglierà le firme per una legge di iniziativa popolare per cambiare la sanità lombarda partendo dai principi che la governano: no all’equivalenza tra pubblico e privato, sì all’integrazione, il privato deve fare ciò che il sistema ha bisogno per dare ai cittadini una sanità più equa e che superi l’attuale ricatto del “o paghi o aspetti”.


(24 febbraio 2024)

©gaiaitalia.com 2024 – diritti riservati, riproduzione vietata

 




 

 

 

 

 

 

 



CRONACA

Pubblicità

LOMBARDIA