Home / Milano / A Milano più impiegati che pensionati. Aumentano le unioni civili

A Milano più impiegati che pensionati. Aumentano le unioni civili

di Gaiaitalia.com #Milano twitter@gaiaitaliacomlo #sociale

 

 

Il sorpasso degli impiegati sui pensionati, l’aumento delle unioni civili e delle convivenze di fatto (e il calo dei matrimoni), la conferma di Hu, Mohamed e Chen, ai primi posti tra i cognomi dei nuovi nati. Sono alcuni dei dati emersi dal confronto tra il 2016 e il 2017 elaborato dall’Anagrafe del Comune di Milano, secondo il quale – stando a quanto dichiarato dai cittadini agli uffici – l’anno che si è appena concluso ha visto gli impiegati soffiare ai pensionati il primo posto nella classifica delle professioni più diffuse in città.

Un sorpasso di misura tra le donne, 116.668 impiegate contro 116.650 pensionate (nel 2016 il rapporto era inverso: 122.352 e 111.692) e più consistente tra gli uomini: 92.658 impiegati contro 89.731 pensionati (anche in questo caso rapporto inverso nel 2016: 95.748 e 87.678). Si confermano al terzo posto le casalinghe tra le donne (105.617 nel 2017, 107.946 nel 2016) e gli studenti tra gli uomini (86.445 nel 2017, 84.412 nel 2016). Altra conferma arriva dallo stato civile, con i matrimoni in Comune in leggero calo ma che superano comunque di molto quelli celebrati in chiesa (2.053 contro i 552, nel 2016 il rito civile è stato scelto da 2.097 coppie, quello religioso da 863). A crescere sono invece le convivenze di fatto, che passano dalle 270 del 2016 alle 510 dell’anno appena concluso. In aumento anche le unioni civili, da 225 a 379.

Per quanto riguarda i nuovi cittadini, tra i cognomi più diffusi negli ultimi due anni occupano saldamente le prime posizioni Hu, Mohamed, Chen, seguiti da Ibrahim che supera Zhou, Ahmed e Rossi. Confermati tra le prime scelte di mamma e papà per i loro figli Leonardo e Sofia, seguiti da Alessandro e Giulia. Riccardo e Alice soffiano invece il terzo posto a Francesco e Beatrice.





(2 gennaio 2018)

©gaiaitalia.com 2018 – diritti riservati, riproduzione vietata

 




 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi