Home / Copertina / Il mito di Demetrio Stratos in immagini a Erratum

Il mito di Demetrio Stratos in immagini a Erratum

Demetrio Stratos | foto: Roberto Masotti

di Redazione #Milano twitter@gaiaitaliacomlo #demetriostratos

 

 

In occasione di Photofestival 2018 e quarant’anni dopo la pubblicazione dell’ultimo disco di Demetrio Stratos con gli Area (1978 gli dei se ne vanno, gli arrabbiati restano!), Erratum di Milano rende omaggio a uno dei simboli degli anni ’70 con una serie di fotografie di Silvia Lelli e Roberto Masotti a cura di Sergio Armaroli, Claudio Chianura e Steve Piccolo.

“Pugni chiusi”, è ovvio. La voce degli Area, certamente. Ma Stratos è stato molto di più: un grande interprete rock, uno sperimentatore senza limiti, un ricercatore, un militante, un uomo carismatico e vitalissimo. E con lui, nel 1979, se n’è andato anche lo spirito del Movimento, sepolto nel concerto di commemorazione dell’Arena di Milano, dove tutti volevano esserci, ma decine di musicisti e 60.000 spettatori non sono bastati a riempire un vuoto incolmabile. Ancora oggi.

Nello spazio di “consistenza poetica” di Erratum si vuole colmare “quel vuoto” ideale attraverso lo sguardo, con le immagini di Silvia Lelli e Roberto Masotti, e con l’attenzione all’ascolto in una (ri)lettura della voce in-cantata e suonata di Demetrio Stratos, attualizzando una pratica aperta e politica del “fare musica”: traduzione di un “fare pensiero” con la presenza del corpo nel processo della Storia (e di tutte le storie). Saranno presenti anche alcuni altri materiali su Demetrio Stratos gentilmente concessi dalla moglie dell’artista, Daniela Ronconi.

Spazio di ascolto e sperimentazione, Erratum si presenta al pubblico come un laboratorio di idee dove la contaminazione tra le arti e il loro incontro con la musica porta a risultati inaspettati proponendosi come punto di riferimento per creativi, musicisti, poeti e artisti. Comunicazione della mostra a cura di MADE4ART di Milano.

 





(4 maggio 2018)

©gaiaitalia.com 2018 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 




 

 

 

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi