PubblicitàAttiva DAZN
13 C
Milano
14.2 C
Roma
PubblicitàAltroconsumo Investi

MILANO

Pubblicità

MILANO SPETTACOLI

HomeMilano & Lombardia PoliticaRiforma sanitaria della Lombardia, la "medicina" pare essere sempre la stessa

Riforma sanitaria della Lombardia, la “medicina” pare essere sempre la stessa

SEGUITE GAIAITALIA.COM MILANO anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Massimo Mastruzzo

Sono già oltre settemila le firme raccolte a due giorni dal lancio della petizione al ministro della Salute affinché blocchi la riforma sanitaria della Lombardia, approvata alla fine di novembre del 2021 dal consiglio regionale. La petizione è stata promossa da Medicina Democratica e dal Coordinamento lombardo per il diritto alla salute.

La riforma sanitaria lombarda – approvata lo scorso 30 novembre – adesso potrebbe tornare in Aula. Il motivo? I rilievi – oltre 15 – che il ministero della Salute ha fatto la scorsa settimana al testo licenziato dalla giunta Fontana dopo tre settimane e centinaia di ore di discussione al Pirellone.

Secondo Marco Caldiroli e Angelo Barbato del coordinamento lombardo per la salute “il modello proposto, penalizza gravemente le fasce più deboli della popolazione i redditi più bassi”. Secondo il coordinamento, la legge Moratti-Fontana si pone contro i principi della riforma sanitaria nazionale del 1978, improntata all’uguaglianza e all’universalità. La riforma del centrodestra lombardo, in particolare, avrebbe, un “approccio ‘ospedalicentrico’ e sbilanciato a favore delle strutture private”.

Dopo le palesi inadeguatezze del sistema ospedalo-centrico ereditato da Formigoni e Maroni evidenziate dalla pandemia, la medicina territoriale appare ancora con problemi irrisolti. E con i privati che ne escono ancora vincitori visto che ora avranno la possibilità di gestire anche case della comunità e ospedali di comunità.

Secondo Vittorio Agnoletto, medico e membro del direttivo di Medicina democratica, è un sovvertimento dei principi su cui si dovrebbe basare il servizio sanitario: “Sul territorio è essenziale la prevenzione e più si previene più si riesce a risparmiare a livello di fiscalità pubblica. Il privato invece è poco interessato alla prevenzione, perché fa profitti su terapie e cure”. Con un’ulteriore conseguenza “Le case della comunità saranno il primo punto di contatto per le persone con il servizio sanitario. Se le fai gestire a un privato che alle spalle ha tutta la filiera sanitaria, è probabile che il paziente verrà indirizzato per eventuali visite ed esami di approfondimento al privato stesso, piuttosto che al pubblico”.

 

(12 febbraio 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 




 

 

 

 

 

 



CRONACA

Pubblicità

LOMBARDIA