PubblicitàAttiva DAZN
8.2 C
Milano
14.5 C
Roma
PubblicitàAltroconsumo Investi

MILANO

Pubblicità

MILANO SPETTACOLI

HomeCultura Milano & LombardiaNell’Aula Magna del Politecnico di Milano-polo territoriale di Mantova il convegno "I...

Nell’Aula Magna del Politecnico di Milano-polo territoriale di Mantova il convegno “I Gonzaga Digitali”

SEGUITE GAIAITALIA.COM MILANO anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

mantova-gonzaga-digitalidi Redazione

 

 

 

Giovedì 1 e venerdì 2 dicembre 2016 nell’Aula Magna del Politecnico di Milano-polo territoriale di Mantova e nelle Fruttiere di Palazzo Te avrà luogo il convegno I Gonzaga Digitali 3 dedicato al rapporto tra la famiglia Gonzaga e gli architetti e urbanisti che operavano a Mantova tra la metà del Cinquecento e il Sacco del 1630.

La terza edizione delle giornate di studi sulle banche dati Gonzaga, aperta al pubblico, è ideata dal Centro Internazionale d’Arte e di Cultura di Palazzo Te e dal Politecnico di Milano-polo territoriale di Mantova e da questi promossa insieme al Comune di Mantova, al Dipartimento di Scienze storiche e filologiche dell’Università Cattolica (sede di Brescia), all’Archivio di Stato di Mantova e all’Associazione Amici di Palazzo Te e dei musei mantovani, con il patrocinio del Museo di Palazzo Ducale di Mantova.

Curato da Daniela Sogliani e Carlo Togliani, il convegno – realizzato con il sostegno di Fondazione Cariverona e Fondazione Comunità Mantovana Onlus e in sinergia con Mantova Capitale Italiana della Cultura – presenterà gli esiti di un percorso di ricerca condotto all’interno dell’Archivio Gonzaga e nelle banche dati esistenti per indagare le principali figure di architetti, ingegneri e urbanisti che hanno lavorato per i duchi Guglielmo, Vincenzo I e Ferdinando Gonzaga.

Il progetto più importante di questo periodo è certamente Palazzo Ducale dove – nell’ambito del cantiere della basilica palatina di Santa Barbara e dei riassetti guglielmini di Corte Vecchia e Corte Nuova in Castello – operarono, fra gli altri, Giovan Battista Bertani, Battista Paolo Covo, Cesare e Pompeo Pedemonte, Bernardino Facciotto e Giovanni Angelo Bertazzolo. Lavori sui quali ebbero sicura influenza i contatti artistici con Roma, facendo sempre più di Palazzo Ducale un aggiornato riferimento architettonico per le corti dell’Europa Centrale, specialmente per quelle d’ambito asburgico.

Il riassetto di Palazzo Ducale è dunque una delle tematiche principali che saranno affrontate, tra altre, da studiosi ed esperti provenienti da diverse istituzioni accademiche italiane nel corso delle due giornate di approfondimenti.

 

 

 

(25 novembre 2016)

 

 

 

 

 

©gaiaitalia.com 2016 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

CRONACA

Pubblicità

LOMBARDIA