PubblicitàAttiva DAZN
5 C
Milano
10.8 C
Roma
PubblicitàAltroconsumo Investi

MILANO

Pubblicità

MILANO SPETTACOLI

HomeMilanoIl Giro d'Italia chiude a Milano: domenica la crono con arrivo sotto...

Il Giro d’Italia chiude a Milano: domenica la crono con arrivo sotto la Madonnina

SEGUITE GAIAITALIA.COM MILANO anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Gaiaitalia.com, Milano

 

 

 

 

Ventunesima e ultima tappa del Giro d’Italia di scena a Milano. Domenica 28 maggio, per l’intera giornata, il capoluogo lombardo sarà teatro della cronometro finale della Corsa Rosa che, partendo dall’Autodromo di Monza, terminerà nella centralissima piazza Duomo.

Un percorso appassionante, che rimanderà sugli schermi di 194 Paesi le immagini della città. A sperimentare per primi la tappa saranno gli amatori che potranno cimentarsi nella crono sulla scia dei grandi campioni. Con l’allestimento della tappa, infatti, si potrà pedalare la mattina del 28 sullo stesso identico percorso dei professionisti con una cronometro a squadre, composte da un minimo di quattro a un massimo di otto atleti. Dalle 13:30 alle 17:30 circa, invece, i riflettori saranno puntati sui professionisti della bici: dopo Monza, Cinisello Balsamo e Sesto San Giovanni, gli atleti entreranno a Milano da Nord, accedendo dalla Bicocca e penetrando la città fino al suo storico centro.

Le strade chiuse, interessate dal percorso, saranno viale Sarca, piazza Carbonari, via Timavo, parte di viale Sondrio, e poi ancora via Melchiorre Gioia, i Bastioni di Porta Nuova, Corso Venezia e corso Matteotti. Sull’intera tratta è previsto il divieto di sosta dalle 1 di mattina alle 19 del pomeriggio; il divieto di circolazione parte dalle 6.

Nella storia del Giro d’Italia, 47 sono state le partenze dal capoluogo lombardo e 77 gli arrivi (l’ultimo nel 2015); si tratta, dunque, di un ritorno a casa in occasione della 100esima edizione della Corsa in Rosa.

 

 

 

 

(25 maggio 2017)

 





 

 

©gaiaitalia.com 2017 – diritti riservati, riproduzione vietata

 



 

 

 

CRONACA

Pubblicità

LOMBARDIA