PubblicitàAttiva DAZN
9.5 C
Milano
8.2 C
Roma
PubblicitàAltroconsumo Investi

MILANO

Pubblicità

MILANO SPETTACOLI

HomeLugano & Canton TicinoAl MASI di Lugano "Picasso, Uno Sguardo Differente" continua fino al 18...

Al MASI di Lugano “Picasso, Uno Sguardo Differente” continua fino al 18 giugno

SEGUITE GAIAITALIA.COM MILANO anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Redazione #Lugano twitter@gaiaitaliacomlo #Arte

 

 

 

Fino al 17 giugno 2018, Il Museo d’arte della Svizzera italiana di Lugano rende omaggio al grande maestro spagnolo con la mostra Picasso. Uno sguardo differente, realizzata in collaborazione con il Musée national Picasso di Parigi – depositario della più ampia e completa raccolta di opere dell’artista – e curata da Carmen Giménez, fra i massimi esperti della sua opera. Mettendo in relazione con criterio inedito 105 opere su carta e 15 sculture che coprono un arco cronologico che si estende dal 1905 al 1967, la mostra documenta l’evoluzione del linguaggio di Pablo Picasso nel corso degli anni e sottolinea il suo ruolo fondamentale nello sviluppo dell’arte del Ventesimo secolo. Accanto ad alcuni fra i più noti capolavori dell’artista, il percorso espositivo presenta opere della collezione personale di Picasso offrendo al pubblico l’opportunità di ammirare anche creazioni meno note, o mai precedentemente esposte, e cogliere aspetti sorprendenti e intimi della sua poetica.

Si dice che quando morì ormai novantunenne Picasso tenesse ancora la matita in mano. Nei disegni e nelle opere su carta risuona infatti la dimensione più personale dell’artista. Nella mostra sono numerosi i riferimenti alle figure femminili, ai luoghi, alle circostanze che hanno segnato la sua vita. L’esposizione è dunque un occasione non solo per avvicinare l’opera, ma attraverso di essa, anche la personalità del grande maestro spagnolo.

La mostra è organizzata dal MASI, Lugano in collaborazione con il Musée national Picasso-Parigi.

 





(3 aprile 2018)

©gaiaitalia.com 2018 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

CRONACA

Pubblicità

LOMBARDIA