PubblicitàAttiva DAZN
17.2 C
Milano
14.6 C
Roma
PubblicitàAltroconsumo Investi

MILANO

Pubblicità

MILANO SPETTACOLI

HomeCultura Milano & LombardiaMilano, nei quartieri in cerca di spazi per associazioni

Milano, nei quartieri in cerca di spazi per associazioni

SEGUITE GAIAITALIA.COM MILANO anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Redazione #Milano twitter@gaiaitaliacomlo #sociale

 

 

 

Mostre, laboratori, seminari, attività formative, di sostegno allo studio per bambini e ragazzi, di animazione, socializzazione, aggregazione. I quartieri delle case popolari di proprietà comunale si animano con le nuove opportunità offerte negli spazi ai piani terra, non abitativi e finora non utilizzati, che si aprono e diventano vivi, utili per gli inquilini e per il quartiere tutto, per migliorarne la qualità della vita e allo stesso tempo offrire maggiore sicurezza.

È on line sul sito del Comune il bando  “Sguardi d’altrove nelle zone periferiche”, che rimarrà aperto fino al 25 ottobre: 15 piccoli spazi tra il Gallaratese, Quarto Cagnino, Isola e Chiesa Rossa, in cerca di associazioni, enti, cooperative senza fine di lucro per la realizzazione di progetti sociali, culturali, educativi e formativi.

Sono spazi di dimensioni variabili da un minimo di 42 mq ad un massimo di 133 mq, che verranno concessi in affitto per un periodo di 6 anni con un canone annuo scontato del 70% rispetto ai valori di mercato. Chi risulterà vincitore dovrà sviluppare attività che, oltre a rafforzare la coesione sociale, siano in grado di rappresentare un presidio quotidiano diffuso del territorio.

Finora, negli ultimi 5 anni, sono stati lanciati 12 bandi e, tra progetti profit e non, assegnati 74 spazi. Solo negli ultimi 2 anni, prima di quest’ultimo bando, ne erano già stati lanciati altri due (“Costellazioni di quartiere” e “Spazio alle periferie”), attraverso i quali sono tornati a vivere 32 spazi disseminati in particolare tra il Gallaratese, la zona Niguarda/Bovisa e quella di via Padova/Rizzoli. Adesso questi locali sono a disposizione della comunità e vi si organizzano attività le più varie, come ad esempio laboratori di scrittura creativa, teatrali, artigianali, sportelli di accoglienza e orientamento scolastico contro la dispersione, promozione delle pratiche Shiatsu e Yoga, ma anche della digitalizzazione e della parità di genere, progetti dedicati ai minori in condizioni di disagio, a volte anche impiegando persone in difficoltà, ex carcerati o disoccupati.

Per illustrare il bando nel dettaglio e per un maggior coinvolgimento dei soggetti potenzialmente interessati è stato organizzato un incontro pubblico con l’assessore Rabaiotti, che si terrà mercoledì 5 settembre, dalle 11 alle 12,30, all’Urban center in Galleria angolo piazza Scala.

 

 




 

 

(3 settembre 2018)

©gaiaitalia.com 2018 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 




 

 

LOMBARDIA