Home / Milano Eventi / Il programma della stagione concertistica della Palazzina Liberty

Il programma della stagione concertistica della Palazzina Liberty

di Redazione #Milano twitter@milanonewsgaia #Musica

 

È stato presentata il 18 settembre presso la Palazzina Liberty “Dario Fo e Franca Rame”, la stagione concertistica 2019/20 di Palazzina Liberty in Musica,il palinsesto dedicato alla musica sinfonica e da camera, vocale e corale,che dal 22 settembre al 28 giugno 2020 animerà la Palazzina nel cuore del Parco Formentano in Largo Marinai d’Italia.

Il cartellone 2019/20 sarà inaugurato domenica 22 settembre, alle ore 18.30, da un concerto dell’Orchestra Milano Classica, per l’occasione in veste sinfonica. Saranno eseguite musiche di Ravel, Stravinskij e Bernstein. Sul podio Beatrice Venezi. L’Orchestra, erede della storica formazione dell’Angelicum, ha presentato oggi un progetto artistico rinnovato nei contenuti e nelle modalità di fruizione,che si snoda nei weekend da settembre a giugno.

Quattro le date a cura della Civica Orchestra di Fiati di Milano-COF, ensemble in residenza dal 1991, cui si affiancano gli spettacoli di teatro musicale dedicati ai più piccoli, in collaborazione con La Sala dei Tanti(tra gennaio e aprile 2020).

Nella stagione si confermano altre ospitalità di prestigio: l’ensemble de La Risonanza (a partire dal 30 ottobre con le Cantate Italiane di Händel), ilFestival Liederìadi(primo appuntamento, domenica 1° dicembre 2019, con le Christmas Carol di Benjamin Britten) eIDEA-International Divertimento EnsembleAcademy, con 3 appuntamenti dedicati alla musica del nostro tempo inclusoil concertofinale dellaCall for Young Performers (27 maggio 2020). Tornano, inoltre, PianoLink con la VI edizione del MiAmOr Festival (dal 3 al 6 giugno 2020) e gli spettacoli di lirica e operetta che caratterizzano la VIII edizione di Invito all’Opera della La Compagnia del BelCanto, rivolta agli amanti del genere melodrammatico con ben 7 titoli in cartellone, presentati in forma semi-scenica e in costumi d’epoca, da Il barbiere di Siviglia (28 settembre 2019) a La vedova allegra (26 ottobre 2019), da Le nozze di Figaro (30 novembre 2019) a Carmen (25 aprile 2020), solo per citarne alcuni.

L’Orchestra a plettro Città di Milano, ospite consueta nel periodo che anticipa le feste natalizie (14 dicembre) farà seguire un secondo concerto (8 febbraio 2020) dedicato alle musiche della migliore tradizione mandolinistica italiana e internazionale.

Arricchiranno la proposta di Palazzina Liberty in Musica gli eventi prodotti dall’Associazione Culturale Art & Musica Insieme, in collaborazione con Municipio 4 (12 ottobre 2019). Altri ancora saranno offerti dall’Associazione Le Dimore del Quartetto il 14 novembre 2019 (Premio Europa Nostra 2019) e dal Rotary Club di Milano con il recital dei finalisti del Concorso Internazionale di Canto Lirico “Premio Koliqui” (15 novembre 2019).

La Palazzina Liberty sarà, inoltre, uno degli epicentri di alcune delle più attrattive manifestazioni cittadine (Cities& Weeks) promosse dall’Amministrazione comunale: Music Week (18 – 23 novembre 2019); Design Week (aprile 2020);  PianoCity 2020 (dal 22 al 24 maggio 2020).

Si segnalano inoltre, inseriti all’interno del palinsesto di Milano Classica#TheClassicalExperience, gli appuntamenti realizzati in collaborazione con una fittissima rete di partner quali: Warner Music, Realtà Debora Mancini, Fondazione Monzino, Le Cameriste Ambrosiane, Parade Italia, Il ClavicembaloVerde, Russiyana, Associazione Ludosofici Italiani, Orchestra Rete Interscolastica Insieme per la Musica e i Cori delle scuole della città metropolitana, Universal Music Italia, Associazione Manifestare Opportunità, Milano Metropolitan Orchestra, Civica Scuola di Musica Claudio Abbado, Concerto Classics, Yamaha Music Europe e Associazione Culturale TamTando.

Molti i contenuti musicali trattati. Il 2020, per esempio,sarà l’occasione per celebrare il 250° anniversario della morte di Ludwig van Beethoven: il 12 gennaio a cura del Quartetto Indaco, il 9 febbraio con il Trio Kanon, il 29 maggio, con Harmoniemusik, affresco musicale sul repertorio beethoveniano e di autori coevi per ensemble di fiati a cura della Civica Orchestra di Fiati di Milano e il 18 giugno con un concerto volto alla riscoperta della letteratura per violoncello e pianoforte del compositore tedesco. Un focus è dedicato all’universo e al genio musicale declinato al femminile, con appuntamenti in calendario dagli inizi del 2020: dal concerto del 27 gennaio dedicato a Le signore dell’orchestra (per celebrare la Giornata della Memoria) a quello dell’8 febbraio dall’emblematico titolo Il pianoforte è donnaper finire con un affresco brahmsiano vocale, corale e strumentale a cura del Festival Liederiadi (15 marzo).

Spicca nella stagione PLIM il progetto,realizzato in collaborazione con l’Associazione Figli della Shoah di Milano. La sera del 15 ottobre, l’ensemble da camera formato dai musicisti della Civica Orchestra di Fiati di Milano interpreterà pagine di Gideon Klein, Charles Gounod e della poetessa e musicista ebrea Ilse Weber, dedicateal ghetto di Theresienstadt e alla tragedia consumatasi ad Auschwitz il 17 ottobre 1944.

Ad aprire una finestra nei confronti della letteratura contemporanea, la sera dell’8 novembre 2019, sarà ancora la Civica Orchestra di Fiati di Milano a dedicare una performance musicale-teatrale alla poetessa milanese Alda Merini, nel decennale della morte. Ideazione, drammaturgia, interpretazione e regia a cura di Manuela Tadini.

In sintesi, si conferma così la vocazione corale, di partitura complessa e a più voci, del progetto PLIM, un cartellone vestito di un forte accento di pluralità in cui convivono generi e linguaggi diversi, stili e pratiche solo apparentemente distanti tra loro il cui obiettivo comune, attraverso la pratica della buona musica, è una sempre più ampia e auspicata fruibilità da parte del pubblico milanese.

La quarta edizione del progetto PLIM porta ancora il segno di Alfons Mucha (1860–1939), geniale artista moravo campione dell’art nouveau: l’immagine scelta – Terzo Grande Concorso Internazionale di Musica, Milano, 1 e 2 settembre 1906, litografia – appartiene alla Civica Raccolta delle Stampe “Achille Bertarelli” del Castello Sforzesco, fra le collezioni più rappresentative del patrimonio ambrosiano. Si rinnova invece la veste grafica, realizzata dall’Area Comunicazione del Comune di Milano.

 

(19 settembre 2019)

©gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

 




 

 

 

 

 

 

 

 




Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi