PubblicitàAttiva DAZN
13.9 C
Milano
14.8 C
Roma
PubblicitàAltroconsumo Investi

MILANO

Pubblicità

MILANO SPETTACOLI

HomeMilano & Lombardia PoliticaIrene Pivetti, le tre Ferrari, e il Riesame dispone sequestro di 4...

Irene Pivetti, le tre Ferrari, e il Riesame dispone sequestro di 4 milioni per riciclaggio: “Centrato l’obbiettivo di evadere il fisco”

SEGUITE GAIAITALIA.COM MILANO anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di G.G.

La già presidente leghista della Camera aveva già visto sequestrati quei quattro milioni, quando ti si accaniscono contro per il tuo passato, quindi ne aveva vissuto il dissequestro che ora viene nuovamente confermato: è un sequestro di 4 milioni di euro nei confronti di Irene Pivetti.

La decisione è del Tribunale del Riesame di Milano che ha accolto il ricorso del pm Giovanni Tarzia, che ha disposto il sequestro a carico dell’ex presidente della Camera leghista ora donna d’affari Irene Pivetti e di un suo consulente, tra gli indagati per riciclaggio, autoriciclaggio e frode fiscale in un’indagine su una serie di operazioni commerciali, in particolare la compravendita di 3 Ferrari Gran Turismo, che sarebbero servite per ripulire incassi di un’evasione fiscale.

Era il 18 novembre 2021, Pivetti usciva da una storia disgraziata di mascherine dalla Cina costate un botto e zac! – davvero non c’è un attimo di tregua, perché come dicono gli anglosassoni: la vita è una troia e poi si muore (life’s a bitch and then you die, giuro che è vero), ed era arrivato il sequestro effettuato dai militari del nucleo di Polizia Economico Finanziaria della Guardia di Finanza di Milano, che poi non era stato convalidato dal gip, come da link più in alto. Il 17 febbraio il Riesame ha sposato in pieno la linea della procura: i giudici hanno così bocciato l’ipotesi di riqualificazione giuridica delle imputazioni che secondo il pm comprendono la frode fiscale e il riciclaggio. . Ma il sequestro, in questa fase del procedimento, è immediatamente esecutivo. La Repubblica offre ulteriori approfondimenti sulla vicenda.

 

(18 febbraio 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 




 

 

 

 

 

 

 

 



LOMBARDIA