PubblicitàAttiva DAZN
10.5 C
Milano
14.9 C
Roma
PubblicitàAltroconsumo Investi

MILANO

Pubblicità

MILANO SPETTACOLI

HomeMilanoMilano, bloccato in via Pascoli un corteo no green pass

Milano, bloccato in via Pascoli un corteo no green pass

SEGUITE GAIAITALIA.COM MILANO anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Redazione Milano

Nel pomeriggio del 19 febbraio pomeriggio, in piazza Leonardo da Vinci, circa 700 manifestanti no green pass/no vax di varia estrazione hanno aderito al presidio preavvisato dagli “Studenti no green pass”. Poco dopo l’inizio della manifestazione, il gruppo compatto, sotto la guida di individualità e componenti antagoniste ed anarchiche, ha iniziato a muoversi con l’intento di raggiungere l’università Statale attraversando le direttrici di Buenos Aires-Venezia-San Babila, rifiutando qualsiasi interlocuzione con i responsabili del servizio di ordine pubblico predisposto dalla Questura di Milano.

Il movimento del gruppo, indirizzatosi verso via Pascoli, attesa anche la permanenza in zona gialla della regione Lombardia, è stato tempestivamente bloccato in testa ed in coda dal dispositivo di ordine pubblico che ha, in questo modo, impedito che fosse gravemente compromessa la circolazione e la sicurezza di una sensibile e nevralgica  zona della città, già gravemente penalizzata dalle iniziative dello scorso anno.

Il dispositivo della Polizia di Stato e dei Carabinieri impegnato nelle indicate attività di contenimento, è stato completato da pattuglie della Polizia Locale che hanno provveduto alle attività di competenza riducendo al minimo le ricadute sul traffico. Anche l’azione estemporanea di alcuni manifestanti, in fase di deflusso, di bloccare la circolazione su viale Romagna è stato tempestivamente contrastato, disperdendo lo sparuto gruppo. Al momento su via Pascoli permangono un centinaio di manifestanti sempre controllati dalle forze dell’ordine. Informa un comunicato stampa della Polizia di Stato.

 

(19 febbraio 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 




 

 

 

 

 

 



LOMBARDIA