PubblicitàAttiva DAZN
10.9 C
Milano
11.7 C
Roma
PubblicitàAltroconsumo Investi

MILANO

Pubblicità

MILANO SPETTACOLI

HomeMilano & Lombardia PoliticaTanto per cambiare Berlusconi rompe il silenzio elettorale. Salvini gli fa eco

Tanto per cambiare Berlusconi rompe il silenzio elettorale. Salvini gli fa eco

SEGUITE GAIAITALIA.COM MILANO anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Daniele Santi

L’antica e mai desueta, per le destre, abitudine del facciamo quello che ci pare non viene meno nemmeno in queste elezioni 2022 nelle quali, per l’ennesima volta, Berlusconi rompe il silenzio elettorale per entrare a gamba tesa nella elezioni di Palermo con accuse vaneggianti inneggianti agli attacchi ad orologeria della “giustizia politicizzata”. La stessa solfa dal 1992.

Il leader di Forza Italia, con le sue accuse che sono sempre le solite, fa propri i dolori di Fratelli d’Italia il cui candidato è stato pizzicato in stretta confidenza col boss di turno, proprio come il forzista di cui il leader vetusto piange la morte. Nemmeno una parola sulla mancanza di cinquanta presidente di seggio resisi non disponibili all’ultimo momento, ma quattro parole ulteriori a giustificare, puntando il dito contro gli altri, il previsto e prevedibile flop dei referendum: “Potevamo fare un passo avanti con questi referendum” come scrive il Corriere – cioè con questi referendum sarei potuto tornare in parlamento.

Salvini fa da sponda al santo padre intervenendo su ciò che Berlusconi ignora e riferendosi ai presidenti di seggio resisi irreperibili (saranno tutti denunciati), afferma: “Questo è un furto di democrazia” perché oggi lui ha anche a cuore la democrazia, oltre alla pace. Santo subito.

 

(12 giugno 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 



CRONACA

Pubblicità

LOMBARDIA