PubblicitàAttiva DAZN
8 C
Milano
8.3 C
Roma
PubblicitàAltroconsumo Investi

MILANO

Pubblicità

MILANO SPETTACOLI

HomeMilanoMafia e 'Ndrangheta a Milano: raffica di arresti

Mafia e ‘Ndrangheta a Milano: raffica di arresti

SEGUITE GAIAITALIA.COM MILANO anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Redazione Cronaca

Dieci arresti in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare. La polizia di Milano, coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia, ha arrestato una decina di persone ritenute responsabili di associazione a delinquere di stampo mafioso, coercizione elettorale, traffico di droga, tentata estorsione, tentato omicidio e altri reati tutti aggravati dal metodo mafioso.

L’indagine ha fatto luce sulle dinamiche della Locale di ‘Ndrangheta di Pioltello, feudo delle famiglie Maiolo-Manno, e sulle attività di una persona riferibile alla famiglia di Cosa Nostra dei Pietraperzia, collegata ai Rinzivillo. Scrive Repubblica che i reati contestati, oltre all’associazione a delinquere e al traffico di stupefacenti, sono quelli di tentata estorsione, tentato omicidio, ricettazione, porto illegale di armi, furto aggravato, detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, intestazione fittizia e coercizione elettorale, usura, tutti aggravati dalle modalità mafiose.

Secondo le accuse il boss Cosimo Maiolo, condannato in Infinito, insieme all’altro arrestato Luca Del Monaco avrebbero organizzato, nel settembre 2021, un banchetto elettorale a favore del candidato sindaco delle destre Claudio Fina, poi sconfitto, oltre che dell’aspirante assessore all’urbanistica Marcello Menni. L’evento [sic] fu organizzato presso la pescheria gestita dal figlio di Cosimo Maiolo, Omar, con lo scopo di invitare “la comunità straniera presente a Pioltello, e in particolare albanesi e pakistani, a votare per Fina e Menni”. L’appoggio elettorale ai due politici, anche loro accusati “in concorso” di coercizione elettorale con aggravante mafiosa, non andò a buon fine.

Sul versante ‘ndrangheta uno dei figli del reggente della Locale di ‘ndrangheta di Pioltello, aveva intuito la possibilità di lucrare sul fenomeno del trasporto delle salme delle vittime del virus attraverso una società intestata a un prestanome e l’emissione di false fatture, in questo modo avrebbe potuto ottenere guadagni illeciti nel settore del trasporto feretri.

 

(12 dicembre 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 




 

 

 

 

 

 

 

 



CRONACA

Pubblicità

LOMBARDIA