PubblicitàAttiva DAZN
17 C
Milano
17.1 C
Roma
PubblicitàAltroconsumo Investi

MILANO

Pubblicità

MILANO SPETTACOLI

HomeMilano MostreAlla Basilica di San Celso a Milano la mostra "Incolpevoli", fino al...

Alla Basilica di San Celso a Milano la mostra “Incolpevoli”, fino al 28 febbraio

SEGUITE GAIAITALIA.COM MILANO anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Redazione Milano

All’interno della cornice suggestiva della Basilica di San Celso a Milano inaugura lunedì 6 febbraio 2023 la mostra “Incolpevoli” organizzata da ISORROPIA HOMEGALLERY. L’esposizione, aperta al pubblico dal 7 al 28 febbraio 2023 presenta le opere degli artisti Luca Coser e Piermario Dorigatti che interagiscono con i suggestivi ambienti del luogo sacro.

Il titolo della mostra, “Incolpevoli”, è preso in prestito dal capolavoro letterario di Herman Broch, ambientato nel periodo dell’ascesa di Hitler, ma non si riferisce tanto alla piccola borghesia “incolpevole” del nazismo, ma ferocemente colpevole sotto il profilo etico per la propria irresponsabile indifferenza, quanto a una domanda che si pone lo stesso Broch rispetto alla responsabilità etica dell’arte e degli artisti. “L’arte non ha mai convertito nessuno” afferma lo scrittore, che sottolinea il primato estetico dell’opera rispetto ai suoi significati etici. Ed è qui che Luca Coser e Piermario Dorigatti, catturano il senso del titolo del loro evento espositivo, e in definitiva di tutto il loro lavoro: nel “convertire” dell’arte, nel “convertire di Celso”, Santo martire a cui è dedicata la Basilica che ospita la mostra, soprattutto nella fragilità connessa all’insufficienza del “convertire” propria dell’arte, ma anche, come una lama di luce, nella sua tensione verso un significato sociale che si estende fino al piano metafisico.

È la prima volta che vengono esposte insieme le opere dei due artisti, colleghi e docenti all’Accademia di Belle Arti di Brera, legati da una trentennale amicizia. Le ricerche artistiche di Luca Coser e Piermario Dorigatti mostrano diversi punti di accordo, così come altrettante insanabili distanze. Ambedue si dichiarano “orgogliosamente” pittori, ambedue tendono alla dissoluzione del reale fino a definire una sorta di confine “poroso” tra figura e astrazione. Luca Coser si distingue per una meditata, soppesata e pacata attenzione compositiva e cromatica, Piermario Dorigatti – al contrario – si distingue per una gestualità irruente e drammatica e per una tavolozza di grandi contrasti.

La mostra nasce a seguito di numerosi confronti tra i due artisti attorno alle pratiche della pittura contemporanea, e anche il titolo scelto per l’occasione manifesta una progettualità che espande la pittura a una dimensione concettuale lontana da un interesse – oggi molto diffuso – per la cronaca e radicata in una prospettiva storica per molti versi a-temporale, così cara a molte avanguardie del ‘900.

 

(4 febbraio 2023)

©gaiaitalia.com 2023 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 




 

 

 

 

 

 



LOMBARDIA