Pubblicità
22.6 C
Milano
25 C
Roma
Pubblicità

MILANO

Pubblicità

SPETTACOLI

Il Teatro Carcano presenta “Michela Murgia, ricordatemi come vi pare”, il 3 giugno

Sul palco la ricorderanno Lella Costa, Teresa Ciabatti, Marcello Fois, Alessandro Giammei, Alessio Vannetti e Fabio Calabrò
HomeBolognaPolizia di Stato di Bologna: disposta dal Tribunale di Bologna confisca preventiva...

Polizia di Stato di Bologna: disposta dal Tribunale di Bologna confisca preventiva nei confronti del “ras” del quartiere “Porto-Saffi”

Pubblicità
Iscrivetevi al nostro Canale Telegram

In data 23 novembre 2023 il Tribunale di Bologna ha disposto nei confronti di Ciro Cuomo Ciro la confisca di prevenzione, ai sensi del Codice Antimafia, di due unità immobiliari, site nei Comuni di Bologna ed Arzachena (SS), di denaro liquido e società intestate a soggetti imprenditoriali gravitanti nella sua sfera, per un valore complessivo di oltre 1.200.000 euro. Il provvedimento è giunto in accoglimento della proposta avanzata dal Questore di Bologna unitamente al Procuratore della Repubblica di Bologna, per la quale il Tribunale di Bologna – Sezione Misure di Prevenzione – in data 10.01.2023, aveva già disposto la misura di prevenzione patrimoniale del sequestro finalizzato alla confisca.

Cuomo Ciro è un imprenditore noto alle Forze dell’Ordine e alle cronache per il suo lungo percorso criminale e per aver assunto, nell’ambito del quartiere bolognese “Porto-Saffi”, ove ha operato negli anni, una posizione di predominio tale da condizionare le vite degli abitanti della zona e le attività commerciali ivi insistenti. Egli si è reso nel tempo  responsabile di una molteplicità di condotte delittuose a carattere lucrogenetico – ricomprendendosi anche le continuate condotte di evasione fiscale “grave e abituale” cui lo stesso ha da sempre fatto ricorso, al punto da potersi definire un contribuente “fiscalmente pericoloso” – nonché di una pluralità di altri reati di natura violenta e intimidatoria che hanno messo  in pericolo la sicurezza pubblica, destando notevole allarme sociale all’interno della comunità in cui vive ed opera.

L’analisi economico-patrimoniale effettuata da personale della Divisione Anticrimine in collaborazione con il 2° Nucleo Operativo Metropolitano Bologna – II Sezione Operativa della Guardia di Finanza, ha consentito, in costanza di condotte illecite (tra le quali, prima tra tutte, la sistematica evasione fiscale) di rilevare una notevole sproporzione tra i redditi leciti dichiarati dal proposto e dal suo nucleo familiare ed il patrimonio accumulato, per un ammontare di oltre 300.000 euro, oltre ad un debito nei confronti dell’erario di quasi 800.000 euro.

Fanno parte del patrimonio confiscato, per il quale sono state utilizzate risorse di matrice illecita, un’ingente somma di denaro liquido, quattro società e due unità immobiliari, una ubicata in zona adiacente al centro cittadino e l’altra nella località turistica sarda di Arzachena (SS), entrambe acquistate dall’imprenditore negli anni della sua manifesta pericolosità, in un periodo caratterizzato da pratiche di sistematica evasione fiscale, come accertato dagli investigatori, e quando il dato della sproporzione aveva subito una decisa impennata.

La proposta presentata congiuntamente dal Questore e del Procuratore di Bologna è stata interamente confermata dal Tribunale e la confisca è stata eseguita.

 

 

(5 dicembre 2023)

©gaiaitalia.com 2023 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 



Milano
cielo sereno
22.6 ° C
24.1 °
21 °
65 %
1.5kmh
0 %
Lun
26 °
Mar
28 °
Mer
31 °
Gio
31 °
Ven
31 °
PubblicitàYousporty - Scopri la collezione

CRONACA