PubblicitàAttiva DAZN
17.2 C
Milano
14.6 C
Roma
PubblicitàAltroconsumo Investi

MILANO

Pubblicità

MILANO SPETTACOLI

HomeMilano & Lombardia PoliticaFragomeli e Del Bono (PD): "Altro che Federalismo. Bertolaso non fa acquistare...

Fragomeli e Del Bono (PD): “Altro che Federalismo. Bertolaso non fa acquistare ad Aria neanche un ecografo”

SEGUITE GAIAITALIA.COM MILANO anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

“Altro che federalismo differenziato! La regione dell’autonomia a tutti i costi non si fida della sua centrale acquisti e preferisce attendere le lungaggini del sistema nazionale, cioè centrale. Parola di Bertolaso”, lo dicono, non senza stupore, Gian Mario Fragomeli, consigliere regionale del Pd, ed Emilio Del Bono, vicepresidente del consiglio regionale, al termine della seduta della Commissione speciale Pnrr, dove i dem avevano presentato un’interrogazione sull’elenco dei grandi apparecchi negli ospedali lombardi, oggetto del rinvio della spesa Pnrr M6C2 investimento 1.1. negoziato dal Governo.

“L’assessore al Welfare ci ha fornito un’articolata risposta, ma dove sostanzialmente si desume che se, come altre Regioni, per sveltire le procedure si fosse affidato ad Aria, la centrale acquisti regionale, saremmo caduti dalla padella nella brace. Quindi meglio addirittura fare affidamento su Consip, la centrale acquisti della pubblica amministrazione italiana, non certamente rapida nella sua burocrazia. Ma così facendo, Bertolaso ha riconosciuto che la struttura non riesce a tenere il passo. Altro che locomotiva Lombardia”, insistono gli esponenti Pd.

“L’ennesima dimostrazione che così Regione non funziona ed è tendenzialmente in ritardo sull’acquisto di macchinari importanti come Pet e Tac, di cui è stato comprato circa il 30%, 129 su 380. A oggi la scadenza originale era la fine di quest’anno e abbiamo chiesto all’assessore quanto verrà rispettata, perché, pur essendoci una proroga al 2026, vorremmo che in Lombardia ci fosse meno ritardo possibile su questo tema, considerati anche gli enormi problemi dovuti alle liste d’attesa. E per questo solleciteremo e controlleremo che tutto avvenga nel modo più veloce e corretto”, aggiungono Fragomeli e Del Bono.

Ma le parole dell’assessore non sono certo state rassicuranti, anzi, hanno suscitato scalpore “o meglio, una ennesima conferma che Regione Lombardia non si fida di sé stessa e deve ricorrere a tutti gli acquisti tramite Consip, proprio perché Aria avrebbe fatto ancora peggio di questi dati, che purtroppo ci portano ad acquistare in ritardo le apparecchiature, ovvero strumenti fondamentali per i nostri ospedali. L’assessore si è impegnato a trasmetterci il dettaglio di come saranno distribuiti in ogni singolo ospedale lombardo i 129 macchinari acquistati e quelli che verranno comprati da qui ai prossimi mesi”, concludono i dem.

 

 

(12 febbraio 2024)

©gaiaitalia.com 2024 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 



LOMBARDIA