PubblicitàAttiva DAZN
25.6 C
Milano
26.9 C
Roma
PubblicitàAltroconsumo Investi

MILANO

Pubblicità

MILANO SPETTACOLI

HomeComune di MilanoMilano ha inviato nuovi aiuti alle zone terremotate le scorso 2 settembre

Milano ha inviato nuovi aiuti alle zone terremotate le scorso 2 settembre

SEGUITE GAIAITALIA.COM MILANO anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

Milano Protezione Civiledi Redazione

 

 

 

È partita per Amatrice, il 2 settembre scorso, la colonna mobile della Protezione civile del Comune di Milano. Ad attenderla il capomissione Cristiano Cozzi, che già da qualche giorno si trova nel Comune laziale colpito dal sisma ed ora organizzerà l’arrivo dei mezzi e degli uomini e ne coordinerà le attività.

La colonna è composta da venti uomini, sei mezzi pesanti della Protezione civile, uno del NUIR, il Nucleo di Intervento Rapido del Comune di Milano, e da cinque fuoristrada. Della spedizione fa parte anche il delegato della Polizia locale, il commissario capo Maurizio Penatti, responsabile della Centrale Radio Operativa, che ad Amatrice in collaborazione con ANCI nazionale allestirà un presidio di Polizia locale.

I mezzi pesanti trasportano la tensostruttura che sarà montata nel Comune di Amatrice, il materiale necessario per la sua installazione e i gruppi elettrogeni che assicureranno la completa autosufficienza agli uomini della Protezione civile.

Entro domani si concluderà la fase di montaggio della struttura metallica autoportante, mentre nei prossimi giorni verranno individuate le figure professionali e tecniche che collaboreranno al ripristino e al funzionamento delle attività dell’Amministrazione amatriciana.

“Superata la prima emergenza – ha spiegato l’assessore alla Sicurezza Carmela Rozzaparte ora la ‘fase 2’ della ricostruzione che ci vede in prima fila per ridare una casa al Comune di Amatrice, un presidio di Polizia locale e per far partire tutte le attività necessarie per la ricostruzione”.

 

 

 

 

 

(4 settembre 2016)

 

 

 

 

 

 

 

 

©gaiaitalia.com 2016 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

 

 

 

LOMBARDIA