Comune e Camera Nazionale della moda promuovono Milano e i suoi giovani talenti

Share post:

di Redazione

 

 
Milano sempre più attenta alla creatività e alla valorizzazione dei giovani talenti. Definite dall’Amministrazione le linee di indirizzo del protocollo di intesa tra Comune di Milano e Camera Nazionale della Moda Italiana per la realizzazione congiunta di iniziative culturali e azioni a sostegno dell’intero comparto della moda uomo/donna per il triennio 2017-2019.

“Una rinnovata collaborazione, quella con Camera Nazionale della Moda Italiana – spiega l’assessore alle Politiche per il Lavoro, Attività produttive, Moda e Design Cristina Tajani – che si inserisce nella più ampia strategia voluta dall’Amministrazione per sviluppare proprie azioni a sostegno dell’intero comparto moda e che vuole dare un segnale di rinnovata attenzione alle politiche pubbliche e di sviluppo complessivo del sistema moda, da sempre protagonista non solo del costume, degli stili di vita e della cultura, ma anche dell’economia di Milano, della Lombardia e dell’intero Sistema Paese”.

Le quattro settimane della moda, quella imminente del 13-17 gennaio dedicata all’uomo, quella di giugno e quelle della moda donna di febbraio e settembre, oltre a tutti gli eventi ad esse collegate, contribuiscono in maniera significativa allo sviluppo economico della città e dalla sua immagine internazionale. Settimane che attraggono a Milano più di 1460 aziende, oltre 2800 buyer e 6100 giornalisti da tutto il mondo, per un fatturato complessivo nel 2016 dell’intero comparto moda Italia di 52,9 miliardi di euro, con un export che sfiora quota sui 30 miliardi e una importazione che si attesta sui 20,5 miliardi (dati consuntivo 2015/2016 di Sistema Moda Italia).

Tre le novità proposte dalla convenzione. Oltre alla conferma dell’utilizzo, in occasione delle settime delle moda, della Sala delle Cariatidi di Palazzo Reale per la presentazione delle collezioni dei giovani talenti emergenti e gli eventi di rappresentanza, l’Amministrazione metterà a disposizione, a partire da giugno, anche gli spazi della Cattedrale della Fabbrica del Vapore.

Dalla collaborazione tra Comune, Camera Nazionale della Moda e Palazzo Reale prenderà forma, nel 2018, una grande mostra che riguarderà e valorizzerà il “saper fare” italiano raccontato attraverso la ricostruzione delle sinergie che hanno consentito la progressiva creazione di un Sistema Moda italiano conosciuto nel mondo come Made in Italy, sinonimo d’eccellenza e creatività.

Tra gli obiettivi principali della convenzione la volontà di rendere più accessibile e fruibile il mondo del fashion system mettendo a punto una serie di iniziative ed eventi collaterali che non riguarderanno più i soli “addetti ai lavori” ma saranno rivolti all’intera cittadinanza. Appuntamenti coordinati attraverso la realizzazione di un calendario unico di iniziative culturali e di eventi “open” che sviluppando la relazione tra moda e arte, cultura, spettacolo e creatività faranno diventare le Settimane della Moda milanesi appuntamenti unici nel panorama globale, consolidando e sviluppando il ruolo di Milano quale “place-to-be” per tutti gli operatori e gli interessati al settore.

Fondamentale sarà la prosecuzione dell’attività di valorizzazione e promozione dei giovani talenti attraverso la collaborazione con gli stilisti, le scuole di moda e i principali operatori del comparto produttivo e distributivo anche grazie alla prolungamento del progetto Fashion Hub Market che sostiene e accompagna i marchi emergenti di tutto il mondo nella presentazione delle loro prime collezioni in occasione delle settimane della Moda donna.

 

 

(12 gennaio 2017)

 

 

 

 

©gaiaitalia.com 2017 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

potrebbero interessarvi

Ricercata arrestata dalla Polizia di Stato nella stazione di Milano Centrale

di Redazione Milano Ieri, la Polizia Ferroviaria di Milano ha arrestato una cittadina bosniaca di 34 anni perché destinataria di...

Civitas Como sul benessere degli animali d’affezione

di Redazione Como Sul territorio del Comune di Como all'oggi sono presenti 10.160 cani più di 12.000 gatti e 5...

La Corte Costituzionale ferma la legge della Lombardia sui “taser”

di P.M.M. La Corte Costituzionale ha detto no alla possibilità che consentiva alla Polizia Locale do usare i "dissuasori...
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: