PubblicitàAttiva DAZN
17.2 C
Milano
14.6 C
Roma
PubblicitàAltroconsumo Investi

MILANO

Pubblicità

MILANO SPETTACOLI

HomeCultura Milano & LombardiaDomenica 11 febbraio "Milano incontra la Poesia" a Palazzo Marino

Domenica 11 febbraio “Milano incontra la Poesia” a Palazzo Marino

SEGUITE GAIAITALIA.COM MILANO anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Gaiaitalia.com #Milano twitter@gaiaitaliacomlo #Cultura

 

 

Domenica 11 febbraio, alle ore 10.30, presso l’Aula consiliare a Palazzo Marino si terrà il nuovo incontro di ‘Area P – Milano incontra la Poesia’, l’appuntamento che ogni mese si propone di avvicinare i cittadini alla bellezza e alla profondità del linguaggio poetico, inteso non solo come forma artistica ma soprattutto come espressione di messaggi sociali e fonte di riflessioni collettive.

L’incontro è con Maddalena Capalbi e la sua pièce teatrale in versi ‘L’innocenza’, rappresentata attraverso la recitazione, la musica e la danza.

Il progetto registico e musicale di Davide Gualtieri (pianoforte e voce recitante) rappresenta un inedito e sarà arricchito dalle voci del soprano Ksenia Dementyeva, del mezzosoprano Anastasia Martiuchenko e del coro di voci bianche del Conservatorio G. Verdi ‘Franchino Gaffurio’ diretto dal Maestro Edoardo Cazzaniga che faranno da contrappunto alle performance della compagnia Orizon Danza di Busto Garolfo, sulle note del clarinetto di Omar Mancini.

Maddalena Capalbi vive a Milano dal 1973. Dal 2006 coordina il Laboratorio di scrittura creativa presso la II Casa di Reclusione di Bollate curandone ogni anno le antologie poetiche. Per questo, nel 2015, è stata insignita dell’Ambrogino d’oro.

Ha pubblicato “Fluttuazioni”, “Olio”, “Sapevo”, “Il giardino di carta, Arivojo tutto”, “Nessuno sa quando il lupo sbrana”. La sua ultima raccolta di poesie, “Testa rasata”, parla di donne che hanno subito violenze, oggi come nell’antichità, dalle più povere e derelitte, alle più altolocate, alle martiri poi santificate. Oltre alle poesie in italiano, Maddalena Capalbi da anni scrive versi in dialetto romanesco. Recentemente ha anche tradotto alcuni canti della Divina Commedia.




 

(9 febbraio 2018)

©gaiaitalia.com 2018 – diritti riservati, riproduzione vietata

 




 

 

LOMBARDIA