PubblicitàAttiva DAZN
16 C
Milano
17 C
Roma
PubblicitàAltroconsumo Investi

MILANO

Pubblicità

MILANO SPETTACOLI

HomeL'Opinione MilanoUn nuovo partito. L'idea meravigliosa di Beppe Sala

Un nuovo partito. L’idea meravigliosa di Beppe Sala

SEGUITE GAIAITALIA.COM MILANO anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Giancarlo Grassi #Politica twitter@milanonewsgaia #Lopinione

 

In una intervista a l’Espresso il sindaco di Milano Beppe Sala non le manda a dire. Ed era ora che cominciassero a spuntare nella politica italiana che dicono quel che c’è da dire quando va detto. Per il resto dell’intervista, e l’articolo che l’accompagna, vi rimandiamo al link in alto. Prendiamo in prestito soltanto un’affermazione di Sala che ci sembra la più interessante.

O il Pd riesce a cambiare rapidamente pelle e a presentarsi come un partito più moderno che affronta seriamente i temi più sensibili, dall’ambiente alla giustizia sociale, oppure ci penserà qualcun altro».

Quel qualcuno ci sta probabilmente già pensando. Anche a noi, anche a me e lo sto scrivendo su queste pagine da tempo, viene da dire che il PD così come è strutturato è un partito che ha fatto il suo tempo e che non è più in grado di fare ciò che deve fare. Che è fare politica, a livello nazionale, una politica che non sia arginare, ma trascinare. Ciò che Salvini ha capito, che aveva capito Matteo Renzi, e che Zingaretti dalema guidato non riesce nemmeno ad immaginare.

Se il PD a livello locale continua a governare in modo egregio, cosa che ad esempio il M5S e la destra che fa capo a Forza Italia non riescono a fare e che invece fanno assai bene le amministrazioni leghiste, e parlo del governo non dell’idea politica – la Lega non è tutta salviniana, vale la pena ricordarlo – a livello nazionale è incapace di proporsi come una reale alternativa all’attuale strapotere salviniano: chi volete che voti gente come Speranza, Orlando, Bersani e tutti i catafalchi che il PD continua a mantenere al suo interno, nonostante alcuni di essi abbiano fatto un scissione dicano di stare fuori; chi volete che presti attenzioni ad un partito che anziché proporre è perennemente immobile perché paralizzato dagli scontri tra gli ex PCI-PDS-DS e gli ex DC-PP-Margherita?

In Italia serve una forza liberal-democraticosociale che non esiste e che va fondata con linguaggi nuovi, obbiettivi certi, e un’attenzione sconosciuta al futuro inteso come cambiamento profondo di tutto ciò che è stato fatto fino ad ora e che non siano il vuoto, l’ignoranza, il terrapiattismo, l’antiscienza, il catastrofismo e l’odio sociale che sono stati il veicolo sul quale i neofascisti si sono visti servire il potere su un piatto d’argento.

E non è certo il PD di oggi, non era il PD di Renzi non sarà quello di Zingaretti, ad operare questo cambiamento. L’intervista di Sala è molto interessante e non è frutto dell’ubriacatura post vittoria Milano-Cortina 2026 è una proposta politica precisa che parte da una riflessione. In un mondo in cui si ragiona con la pancia è comunque un passo avanti.

 

 

 

 

(28 giugno 2019)

©gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 





 

LOMBARDIA