Home / L'Opinione Milano / Oscar Giannino rende noti i documenti con i quali a Radio24 fecero fuori quel giornalista scomodo che aveva ascolti al di sopra della media della rete

Oscar Giannino rende noti i documenti con i quali a Radio24 fecero fuori quel giornalista scomodo che aveva ascolti al di sopra della media della rete

di Giovanna Di Rosa #Lopinione twitter@milanonewsgaia #Informazione

 

Con una decisione coraggiosa e perfettamente in linea con il coraggio di Giannino – al quale lo spazio che hanno riservato come co-conduttore all’interno della nuova Radio Capital degli Agnelli dopo l’omicidio del gruppo GEDI e la normalizzazione di Repubblica che non era riuscita a Berlusconi, non rende merito – è quel giornalista Oscar Giannino che ha deciso di rendere pubblici i documenti con i quali venne avvisato dalla direzione di Radio24 della sua defenestrazione da lì a breve.

Oscar Giannino, che è un Signore, aspetta che il prima filo-Di Maio e poi filo-leghista presidente di Confindustria se ne vada e quindi pubblica i documenti. Lo aveva promesso in diretta radiofonica e lo fa. Li pubblica via Twitter, mettendoci la faccia, come fa sempre, perché anche metterci la faccia vuol dire qualcosa, in momenti storici in cui generalmente la faccia si perde. Li pubblica così:

 

 

Il direttore di Radio 24 al momento dell’insediamento del quale Oscar Giannino aveva detto in diretta che quella sarebbe stata la sua ultima stagione di collaborazione con l’emittente di Confindustria, Dott. Fabio Tamburini, si era espresso su Prima Comunicazione con toni che non cancellavano certo il sospetto che alla base della decisione ci fossero antipatie personali.

Sui social ne sono uscite di tutti i colori, invocando in difesa di Oscar Giannino anche la libertà di espressione: francamente sono rimasto allibito, perché si tratta di affermazioni al di là del bene e del male” (…) “La verità è molto più semplice, come ogni cosa anche il palinsesto di Radio 24 deve rinnovarsi. E Giannino non fa eccezione. Inoltre, Giannino è certamente brillante ma, come tutti noi, non è privo di qualche difetto”.

Va detto che un direttore che si libera di un collaboratore che ha ascolti al di sopra di quelli della media della giornata radiofonica, non fa un gran servizio all’azienda, ma l’azienda non è la nostra e se fosse la nostra, e Oscar Giannino – averne di Oscar Giannino! – fosse stato sul nostro libro paga ce lo saremmo tenuti stretto. Ma così va il variegato mondo dell’informazione servile, prona e lottizzata di questo paese dove più sei asservito e più dichiari che lo sono gli altri.

 

 

 

(21 maggio 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

 




 

 

 

 

 

 

 

 

 




Share and Enjoy !

0Shares
0 0

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi