Home / L'Opinione Milano / E adesso siamo al Salvini che fa il “Mea culpa” e al “E’ stato un errore…”. Insomma, ecco l’incredibile maschera del buonino

E adesso siamo al Salvini che fa il “Mea culpa” e al “E’ stato un errore…”. Insomma, ecco l’incredibile maschera del buonino

di G.G. #Lopinione twitter@milanonewsgaia #Maiconsalvini

 

No, io non sono cattivo. Sembra dire ora il Matteo Salvini alla canna del gas. Non sono cattivo, mi disegnano così. E corre tra le braccia di SkyTG24 nel disperato tentativo di ricostruirsi una verginità politica dopo essere stato preso a schiaffi dagli elettori alle ultime regionali, a sberle da Berlusconi in un paio di uscite pubbliche, e a cazzotti dalle sue stesse uscite propagandistiche che gli costeranno la segreteria della Lega – sai che perdita…

E’ tutto un pentimento il Truce Tribuno affogatosi in un mojito in una notte d’agosto; addirittura pronuncia la frase “E’ stato un errore”, mettendosi a rischio ictus, ma a lui piace il brivido, riferendosi ad una sua partecipazione al Senato ad un convegno anti-Covid – dimenticandosi di non avere indossato le mascherine per mesi, di avere promosso involontariamente assembramenti, di essersi fatto selfie senza mascherina con fanatici salviniani senza mascherina.

Ebbene a proposito di quella partecipazione Salvini riesce addirittura a chiedere di non usare il termine “negazionisti”, dopo che l’ha usato lui, con una frase che trasuda finzione e calcolo ad ogni pausa.

Posso chiedere a tutti di non usare questo termine? Ci ricorda i campi di sterminio, gli ebrei, i nazisti… Quindi, se si vuol fare polemica politica, ci sono tanti altri termini. Ma parlare di negazionismo, di fascismo, di nazismo, in questo momento è qualcosa che non rende giustizia a chi lo fa…”.

Insomma lui che da bravo imbonitore del nulla è riuscito a raccontarle tutte in modo credibile, non riesce a credersi nemmeno da solo mentre si cala nei panni del Salvini buon padre della patria che parla ai suoi figli scriteriati che usano parole a vanvera. L’uomo che ha detto tutto e il suo contrario consiglia di non usare parole a vanvera. Lui che è l’uomo che ha imposto quel Nino Spirlì che parla della Calabria come regione da rispettare perché terza regione d’Italia in ordine alfabetico. Lui che è l’uomo che ha vestito tutte le divise, le magliette e le idee possibili. Per pochi minuti, a volte.

 

(23 novembre 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 




Share and Enjoy !

0Shares
0 0

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi