Dante on The Road, manifestazione politica per la cultura in forma statica. Dal 23 al 25 aprile dalle 15 alle 18

Share post:

di Redazione, #Cultura

ATIR promuove una manifestazione a sostegno della cultura, nel prossimo weekend, 23-24-25 aprile, dalle ore 15 alle 18. Il furgone rosso della compagnia raggiungerà ogni giorno un luogo diverso della città.  Qui avverrà un presidio che vuole manifestare sui temi della cultura e dell’importanza per la società civile di poter tornare al teatro, alla parola, all’incontro. Al presidio saranno presenti attori ATIR ma anche molti colleghi e artisti milanesi, e sarà aperto a tutti i cittadini che vorranno unirsi. La manifestazione userà le parole “alte” di Dante attraverso la lettura di alcuni canti della Divina Commedia.

“I teatri sono chiusi da molto tempo. Forse riapriranno presto, forse solo qualcuno, forse tutti, speriamo. La situazione resta comunque molto critica. La fame di cultura condivisa si fa sempre più acuta. Con l’allegria e la vitalità che contraddistingue il gruppo, vogliamo manifestare pubblicamente la nostra difesa della cultura, della parola e del teatro come strumento di resistenza politica e sociale.  Abbiamo immaginato, insieme all’amico Francesco Migliaccio, una manifestazione a difesa della cultura in tre piazze della città, dal centro alla periferia: un presidio di arte partecipata. Il 23, 24 e 25 aprile 2021 il furgone rosso di Atir raggiungerà Via Rovello (venerdì 23), Piazza Leonardo da Vinci (sabato 24) e il Parco Chiesa Rossa (domenica 25). Verrà quindi allestito un piccolo presidio da cui dar voce alla nostra protesta che abbiamo chiamato “Dante on the road”, in cui attori e comuni cittadini potranno a rotazione leggere alcune parti della Divina Commedia. Chiunque voglia unirsi a noi potrà manifestare la sua adesione condividendo (e leggendo a sua volta) il canto preferito, il proprio frammento del cuore. Per ricordarci che non di solo pane (e paure e dolori) vive l’uomo e che non vediamo l’ora di poterci riabbracciare. Che abbiamo bisogno, ora più che mai, della cultura fatta di carne e di ossa, di parole che ci nutrono e ci insegnano l’amore per la bellezza, salute dello spirito insieme a quella del corpo.”

Oltre ai cittadini manifestanti aderiscono al presidio:

Francesco Migliaccio, Renato Sarti, Rita Pelusio, Federica Fracassi, Alessandro Castellucci, Paolo Foschini, Arianna Scommegna, Tommaso Amadio, Marco Cacciola, Massimo De Vita, Matilde Facheris, Genny d’Aquino, Gaetano Callegaro, Andrea Robbiano, Anna Bonel, Federica Fabiani, David Remondini, Simone Faloppa, Luciano Mastellari, Biblioteca Chiesa Rossa, Coordinamento spettacolo Lombardia, Pacta dei Teatri, MTM, Teatro della Cooperativa, Teatro Filodrammatici, Teatro Officina, Associazione Culturale Orizzonte e Compagnia Ora in Scena, Macrò Maudit teàter.

 

23 Aprile
Piccolo Teatro – Via Rovello dalle 15.00 alle 18.00

24 Aprile
Via Ampere ang. Piazza Leonardo da Vinci (Teatro Leonardo MTM) dalle 15.00 alle 18.00

25 Aprile
Parco Chiesa Rossa/piazza Abbiategrasso (biblioteca Chiesa Rossa) dalle 15.00 alle 18.00

 

INFO: www.atirteatroringhiera.it | info@atirteatroringhiera.it | 02.87390039.

 

(20 aprile 2021)

©gaiaitalia.com 2021 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 




 

 

 

 

 

 

 



potrebbero interessarvi

PNRR: a Brescia 2.302 € per abitante a Foggia solo 102

di Pasquale Cataneo e Massimo Mastruzzo* È sempre sgradevole dirlo, ma noi abbiamo fatto seguire alle parole e alle...

E’ iniziata la battaglia per il Pirellone: è il “redde rationem” delle destre

di Giancarlo Grassi Non avendo capito nulla della recente batosta alle amministrative, nonostante Zaia che parla della vittoria delle destre...

Lombardia. Allerta gialla per rischio temporali e rischio idrogeologico

di Redazione Lombardia Il Centro funzionale monitoraggio rischi della Regione Lombardia ha diramato un’allerta meteo gialla (rischio ordinario) in...

Adesso Salvini vuole una centrale nucleare a Baggio, “il mio quartiere”. O dell’avere contezza

di Redazione Politica Una centrale nucleare a Baggio, quartiere popolare a ovest di Milano. E' l'ultima boutade del fantasioso...
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: