A Milano il M5S ha un problemino: la base sceglie una candidata, ma Conte ne vorrebbe un’altra

Share post:

di Redazione, #politica

Genova si ripete a Milano. Ricorderete la storia della candidata vincente scelta dalla base che poi Grillo non volle perché non le andava a genio, alla faccia della base? A Milano succede qualcosa di simile e a gestire la delicata faccenda è Giuseppe Conte, che pare non la stia gestendo benissimo.

Quattro ore di riunione dovevano servire, lo scorso 17 agosto, per fare ingoiare alla base grilla la candidata scelta da Conte: Layla Pavone, ma la base del partito aveva scelto Elena Sironi, quella stessa base che online ha scelto Conte. Che accade?

Accade che la gestione del potere è assai complicata e se la base, che è sempre stata a parole un totem intoccabile del grillismo di ieri e di domani, perché oggi si può sempre discutere, vota un nome e il presidente ne sceglie un altro allora quel partito ha due problemi: la base e il presidente. Così tocca mediare, che alla fine vuol dire non prendere una decisione, arte nella quale Conte è bravissimo, e cercare di fare ingoiare la cattiva medicina di Layla Pavone candidata e di Elena Sironi capolista che rischia di essere il primo grattacapo da non sottovalutare. C’è poi quell’altra questione di importanza quasi irrisoria: si vota il 4 e 5 ottobre, praticamente ieri, e alla presentazione definitiva delle  liste mancano due settimane.

Non si è trovata una soluzione manco a cercarla, nel pomeriggio del 17 agosto, poi Conte se n’è dovuto pure andare, e c’erano parlamentari, consiglieri regionali, insomma c’era tutto il M5S del dico questo e faccio altro. In queste condizioni è difficile intravvedere una strada per Conte. In compenso quella del M5S si vede benissimo. Ed è tutta in discesa.

 

(18 agosto 2021)

©gaiaitalia.com 2021 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 




 

 

 

 

 

 

 

 

 



potrebbero interessarvi

Ricercata arrestata dalla Polizia di Stato nella stazione di Milano Centrale

di Redazione Milano Ieri, la Polizia Ferroviaria di Milano ha arrestato una cittadina bosniaca di 34 anni perché destinataria di...

Civitas Como sul benessere degli animali d’affezione

di Redazione Como Sul territorio del Comune di Como all'oggi sono presenti 10.160 cani più di 12.000 gatti e 5...

La Corte Costituzionale ferma la legge della Lombardia sui “taser”

di P.M.M. La Corte Costituzionale ha detto no alla possibilità che consentiva alla Polizia Locale do usare i "dissuasori...
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: