PubblicitàAttiva DAZN
9.4 C
Milano
11 C
Roma
PubblicitàAltroconsumo Investi

MILANO

Pubblicità

MILANO SPETTACOLI

HomeCronaca Milano & LombardiaMilano, furto di rame e resistenza a pubblico ufficiale: arresti della Polizia...

Milano, furto di rame e resistenza a pubblico ufficiale: arresti della Polizia di Stato

SEGUITE GAIAITALIA.COM MILANO anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Redazione Cronaca

Ieri, la Polizia di Stato ha arrestato un cittadino italiano di 51 anni e uno kosovaro di 34 anni, entrambi pregiudicati, e un minore di 14 anni sorpresi a rubare un ingente quantitativo di rame ai danni della società “Rete Ferroviaria Italiana”, nel Comune di Rho (MI).

I poliziotti della Polfer hanno iniziato le indagini a seguito di alcuni episodi analoghi, verificatisi nei primi due giorni del mese corrente, che avevano comportato alcuni disagi alla regolare circolazione ferroviaria. Nel corso dell’attività investigativa, gli agenti durante un appostamento presso un boschetto prospiciente la zona interessata dai precedenti eventi, hanno notato i tre prelevare il rame contenuto all’interno delle canaline in cemento, poste lungo la linea ferroviaria “alta velocità” Milano-Torino per poi caricarlo su un furgone. Intercettati dai poliziotti della Polfer mentre cercavano di allontanarsi, nonostante fosse stato loro intimato l’alt, hanno comunque tentato di fuggire a bordo del veicolo e, dopo un inseguimento per le vie cittadine,  sono stati fermati e bloccati.

All’interno del furgone sono stati rinvenuti mille metri di cavi di rame, per un peso lordo di 250 kg, due paia di guanti professionali e due paia di tronchesine per metalli. I due uomini sono stati arrestati per i reati di furto aggravato in concorso e resistenza a pubblico ufficiale, inoltre, sono stati anche deferiti in stato di libertà per minacce aggravate a pubblico ufficiale. Il minorenne è stato affidato alla madre.

Informa un comunicato stampa della Polizia di Stato.

 

 

(3 novembre 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 




 

 

 

 

 

 

 

 

 


LOMBARDIA