PubblicitàAttiva DAZN
17.2 C
Milano
14.6 C
Roma
PubblicitàAltroconsumo Investi

MILANO

Pubblicità

MILANO SPETTACOLI

HomeLombardia8 marzo, Cominelli a Romani: “Consiglio adotti Linee Guida sul linguaggio di...

8 marzo, Cominelli a Romani: “Consiglio adotti Linee Guida sul linguaggio di genere: Giornata della donna è data ideale per assumere impegno”

SEGUITE GAIAITALIA.COM MILANO anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

“Escludere l’universo femminile da atti e leggi è discriminatorio. È infatti provato che il linguaggio è uno degli strumenti con il quale si trasmettono stereotipi e si rafforzano disuguaglianze. Per questo è importante che anche la Lombardia, sull’esempio di altre Regioni, adotti precise Linee Guida sul linguaggio di genere”. Lo dichiara la consigliera regionale del Partito Democratico Miriam Cominelli, che ha presentato richiesta per la stesura e l’adozione di Linee Guida sul linguaggio di genere al Presidente Federico Romani e all’Ufficio di Presidenza del Consiglio regionale della Lombardia.

“La parità di genere, principio sancito già nella nostra Carta Costituzionale, è uno degli obiettivi di sviluppo sostenibile previsto dall’Agenda 2030 delle Nazioni Unite. La parità dei diritti, però, non prescinde dall’uso della lingua: per questo occorre garantire e valorizzare pienamente una corretta comunicazione di genere, in particolare da parte delle pubbliche amministrazioni– spiega Miriam Cominelli – Per quanto riguarda le Regioni, dopo la riforma del Titolo V della Costituzione nel 2001, e soprattutto dopo la direttiva del 2007 sulle pari opportunità, molte amministrazioni hanno cominciato il lavoro di revisione della documentazione in uso negli uffici e si sono dotate di atti di indirizzo e di deliberazioni per l’adozione di un linguaggio non discriminante. La Regione Piemonte è stata la prima ad affrontare il tema dell’uso del genere nel linguaggio, con la legge regionale 18 marzo 2009 (nel 2017 ha elaborato anche le proprie linee guida). A seguire sono state l’Emilia Romagna nel 2014, la Sardegna nel 2016, l’Abruzzo nel 2019, il Lazio nel 2022. A questo elenco manca la Lombardia”.

“Sull’esempio di queste Regioni, quindi, credo che anche il nostro Consiglio regionale debba farsi parte attiva nella formulazione di un provvedimento dedicato al tema del corretto uso del Linguaggio di genere. E credo che l’8 marzo, Giornata Internazionale della donna, sia una data ideale perché il Presidente Romani e l’Ufficio di Presidenza si prendano l’impegno di dare seguito a questa richiesta”, conclude la consigliera del PD Miriam Cominelli.

 

 

(7 marzo 2024)

©gaiaitalia.com 2024 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 

 

 



LOMBARDIA