PubblicitàAttiva DAZN
8 C
Milano
8.3 C
Roma
PubblicitàAltroconsumo Investi

MILANO

Pubblicità

MILANO SPETTACOLI

HomeMilano & Lombardia PoliticaBocci e Majorino (PD). "8 marzo giornata di impegno e lotta. Insoddisfacenti...

Bocci e Majorino (PD). “8 marzo giornata di impegno e lotta. Insoddisfacenti i dati in Lombardia sulla 194”

SEGUITE GAIAITALIA.COM MILANO anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

“Domani celebriamo l’8 marzo, ovvero la Giornata internazionale della donna, che non è una festa, ma una giornata di impegno e di lotta con un forte valore sociale”, lo dicono Paola Bocci e Pierfrancesco Majorino, consigliera e capogruppo regionale del Pd, spiegando qual è per i dem il significato della ricorrenza.

“Anche in Lombardia siamo di fronte a grandi criticità sul terreno dei diritti sociali e civili. C’è tantissimo da fare in relazione a strumenti ancora poco efficaci a tutela dell’accesso e della permanenza delle donne nel mondo del lavoro, a condizioni di parità. E la Regione latita”, aggiungono gli esponenti Pd.

“Pensiamo al rispetto della libertà di scelta delle donne per una maternità consapevole, pensiamo alla piena attuazione della Legge 194, in tutti i nostri territori: come ogni anno abbiamo avviato un’indagine a tappeto sull’applicazione della 194, chiedendo a ogni struttura ospedaliera se e come sia rispettato il diritto all’interruzione di gravidanza, evidenziando livelli in alcune province ancora alti di obiezione di coscienza e l’impossibilità di scegliere il metodo farmacologico con la Ru486, perché non praticato in tutti i territori. Presenteremo i dati aggiornati ad aprile, perché serve un’operazione verità”, annunciano Bocci e Majorino.

Intanto ribadiscono quanto propongono: “L’istituzione di un osservatorio indipendente e riconosciuto sull’attuazione della 194 in Lombardia; un’informazione chiara, diffusa e accessibile sull’Ivg, in particolare in relazione alla Ru486; ⁠l’indicazione formale e netta di Regione alle sue strutture sanitarie affinché entrambe le prestazioni siano assicurate in tutti i presidi, e l’incentivazione all’utilizzo della Ru486; ⁠la formazione del personale sanitario sulla Ru486; ⁠l’estensione della Ru486 ai consultori pubblici, previo potenziamento quantitativo e qualitativo dei presidi. Perché tutte siano libere di scegliere. Davvero”, concludono i dem.

 

(7 marzo 2024)

©gaiaitalia.com 2024 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 




 

 

 

 

 

 

 

 

 


CRONACA

Pubblicità

LOMBARDIA