Milano, on line il bando per la creazione di uno sportello di aiuto alle vittime di mafia

Share post:

di Redazione

 

 

 

 

È on line sul sito del Comune di Milano il bando di gara per l’affidamento del servizio di assistenza e aiuto alle vittime dei reati di stampo mafioso e della criminalità organizzata. La cifra base dell’appalto per il servizio complessivo è di 193.677 euro e il termine ultimo per la presentazione delle offerte è il prossimo 5 aprile.

Il progetto, finanziato da un bando della Regione Lombardia, vede il Comune di Milano capofila di una rete di partenariato e si articola su tre azioni: supporto alle vittime, sensibilizzazione e comunicazione, informazione e formazione.

Il supporto alle vittime prevede la creazione di uno sportello e una linea telefonica dedicata per offrire, con un’equipe interdisciplinare, attività di assistenza diretta alle vittime di reati di stampo mafioso o dei reati tipici della criminalità organizzata (racket, pizzo, usura, riciclaggio, tratta di persone, estorsione etc.) e ai loro familiari. In particolare il servizio offrirà gratuitamente consulenza legale, supporto e assistenza psicologica, accompagnamento alla rete dei servizi sociali e assistenziali territoriali. Questo sportello centrale si raccorderà, fornendo competenze e supporto, con i nove sportelli aperti al pubblico che già esistono nelle sedi dei municipi, in modo da garantire la massima diffusione territoriale.
Lo sportello, che sarà aperto ai cittadini dal lunedì al venerdì per 25 ore settimanali, si interfaccerà a livello tecnico-amministrativo con gli uffici comunali e lavorerà in sinergia con i servizi dell’Area Sicurezza, Coesione Sociale e Protezione Civile.

L’attività dello sportello sarà affiancata da un lavoro di comunicazione e sensibilizzazione, anche sui social media, sulla promozione della cultura della legalità e sul contrasto alla criminalità organizzata, favorendo la collaborazione con la rete delle risorse territoriali (associazioni inquilini, scuole, istituti di formazione professionale, associazioni giovanili, associazioni di commercianti, scuole e istituti professionali, Forze dell’Ordine e Polizia Locale) per raggiungere le potenziali vittime e contribuire all’emersione del sommerso.




Altro aspetto importante sarà quello della formazione con l’obiettivo di sviluppare sul territorio presidi di contrasto alla criminalità e di promozione della cultura della legalità. Saranno previsti inoltre moduli formativi per gli operatori del settore (Forze dell’Ordine, assistenti sociali e altri) per sviluppare una maggiore sensibilità sui bisogni delle vittime.

 

 

(21 marzo 2017)

 




 

 

 

 

 

©gaiaitalia.com 2017 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

 

potrebbero interessarvi

Contro l’Omolesbobitransfobia bandiera Arcobaleno sulla facciata di Palazzo Marino

di Redazione LGBTIQA+ In occasione della Giornata internazionale contro l'omofobia, la bifobia e la transfobia, su invito del Consiglio comunale...

Siluri dentro Forza Italia: salta in aria il coordinatore Solini

di Daniele Santi La granitica unità (che non c'è) della destra si riscontra anche nei metodi di epurazione del...

Milano Centrale: la Polizia di Stato arresta tre persone

di Redazione Milano Il 13 maggio la Polizia Ferroviaria di Milano ha arrestato un cittadino algerino di 40 anni...

Civitas Como. Un luogo per tutti: gli Skaters

di Redazione Como Loro sono skaters. Si ritrovano tutti i giorni in largo Spallino, di fronte all'ex chiesa di San...
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: