PubblicitàAttiva DAZN
10.3 C
Milano
14.1 C
Roma
PubblicitàAltroconsumo Investi

MILANO

Pubblicità

MILANO SPETTACOLI

HomeMilano EventiAl PAC di Milano inaugurazione di "Race Traitor", grande retrospettiva di Adrian...

Al PAC di Milano inaugurazione di “Race Traitor”, grande retrospettiva di Adrian Piper

SEGUITE GAIAITALIA.COM MILANO anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Redazione Milano

Si inaugura lunedì 18 marzo, alle ore 19.30 al PAC Padiglione d’Arte Contemporanea di Milano la mostra “Race Traitor”, la prima retrospettiva europea dopo oltre vent’anni dedicata all’artista Adrian Piper (1948, New York), vincitrice del Leone d’Oro come miglior artista alla Biennale di Venezia 2015.

Aperta al pubblico dal 19 marzo al 9 giugno, l’esposizione è promossa dal Comune di Milano e prodotta dal PAC con Silvana Editoriale. Curata da Diego Sileo, la mostra è tra gli eventi principali di Milano Art Week (8 – 14 aprile 2024), la manifestazione diffusa coordinata dal Comune di Milano in occasione di miart, che mette in rete le principali istituzioni pubbliche e private, con un programma denso di attività e progetti, arricchendo il panorama culturale della città con eventi collaterali che riconfermano Milano come luogo privilegiato per l’esplorazione e l’indagine dei linguaggi contemporanei.

“Race Traitor” ripercorre oltre sessant’anni di carriera di Adrian Piper, con importanti prestiti internazionali provenienti dai più prestigiosi musei del mondo, tra i quali il MoMA e il Guggenheim di New York, il MoMA di San Francisco, l’MCA di Chicago, il MOCA di Los Angeles e la Tate Modern di Londra. Affermatasi come artista concettuale, minimalista e performer nella scena artistica newyorkese degli ultimi anni Sessanta, Adrian Piper solleva domande spesso scomode sulla politica, sull’identità razziale e di genere, e chiede alle persone di confrontarsi con verità su se stesse e sulla società in cui vivono. Fulcro della sua pratica filosofica, artistica e attivista è il concetto di lotta permanente contro il razzismo, la xenofobia, l’ingiustizia sociale e l’odio.

La mostra riunisce oltre cento opere tra installazioni, video, fotografie, dipinti e disegni dalle quali emerge l’analisi della “patologia visiva” del razzismo e l’immagine delle persone afroamericane determinata dalla società e dai tanti stereotipi diffusi.
Un’indagine mirata sui temi particolari della “razza” e del genere, contestualizzati dalle pratiche formali dell’arte minimale e concettuale che la produzione di Piper degli esordi ha portato verso questi temi, e che ora l’artista considera come un’arma a doppio taglio: il suo approccio alla lotta al razzismo americano è anche parte del processo di liberazione di se stessa e della sua persona dalla morsa malata della “razza” che ha sperimentato consapevolmente per la prima volta quando ha iniziato l’istruzione superiore negli Stati Uniti.
In quanto artista donna e filosofa, il lavoro di Piper restituisce inoltre le esperienze relative al sessismo e alla misoginia subite. In questo senso la sua ricerca ha ispirato intere generazioni di artiste contemporanee.

“Siamo particolarmente orgogliosi di questa mostra, risultato di un lavoro di ricerca e di indagine senza precedenti iniziato nel 2019, che colloca il PAC al centro della scena artistica internazionale – afferma l’assessore alla cultura Tommaso Sacchi -. Un’opportunità unica di immergersi nell’universo complesso e provocatorio di una delle artiste più influenti del nostro tempo che ci invita a riflettere su temi fondamentali che plasmano la nostra società contemporanea”.

Il percorso si apre con gli “LSD paintings”, disegni e opere pittoriche figurative realizzate in giovanissima età, ancor prima di arrivare alla School of Visual Arts – SVA di New York, che testimoniano il tentativo di guardare oltre la superficie delle cose, pratica che Piper ha perseguito sin da subito anche attraverso la frequentazione di letture filosofiche e spirituali vediche, la meditazione e lo yoga. La concentrazione profonda sul soggetto porta a far vibrare le superfici fino a frammentarle come accade per esempio in LSD Self-Portrait from the Inside Out. Il nesso con la controcultura degli anni Sessanta, che l’artista frequentava in quel periodo, è evidente nel trittico dedicato ad Alice in Wonderland. Un esplicito richiamo all’ambiente dell’epoca, nel quale l’opera letteraria di Lewis Carroll era particolarmente apprezzata.

L’idea di esistere in qualità di oggetto attivo nel tempo e nello spazio si manifesta nella prima performance pubblica dell’artista, impegnata all’epoca in una ricerca più strettamente concettuale. Prefiguratrice di quanto la consapevolezza politica diverrà importante nel percorso di Piper, l’opera Five Urelated Time Pieces (Meat into Meat) del 1969, prende le mosse da una performance privata durata tre giorni e racconta le contraddizioni di una relazione domestica in cui lei stessa, una donna che si avvia al vegetarianismo e inizia a interessarsi al femminismo, prepara il pasto, fatto di carne animale, per il suo compagno dell’epoca, David Rosner, un marxista convinto e politicamente impegnato. “Untitled Performance at Max’s Kansas City” è stata realizzata nel 1970 all’interno dell’omonimo bar in occasione del “The Saturday Afternoon Show”. Come si vede nelle foto che documentano l’accaduto, Piper, isolando sé stessa dall’ambiente circostante attraverso l’ottundimento dei sensi grazie a guanti, paraocchi, tappa-naso, tappi per le orecchie ecc., si muoveva tra i tavoli e gli avventori del bar, seguita dalla fotografa. A seguito di questa esperienza, nel tentativo di misurarsi davvero con un pubblico inconsapevole e non deputato all’arte, nello stesso anno Adrian Piper inizia ad agire nello spazio urbano. Nascono così le “Catalysis”, in cui lei stessa diventa oggetto catalizzatore delle reazioni altrui.

È poi con la performance del 1975 “Some Reflected Surfaces” che si afferma l’importanza della danza all’interno della ricerca artistica di Adrian Piper, nel contesto delle graduate student lounge dell’Harvard Philosophy Deparment. Qui fa la sua apparizione una versione transgender dell’alter ego maschile dell’artista (“The Mythic Being”, nato nel 1973) che indossa baffi, parrucca e occhiali da sole. L’obiettivo è quello di esplorare le possibilità dell’esperienza di qualcuno con la sua stessa storia genetica, quella di riconosciuta discendenza africana, ma con un genere e un aspetto esteriore diversi dal suo. “The Mythic Being” diviene una presenza ricorrente nell’opera di Adrian Piper fino al 1976.

Con l’installazione “Art for the Art World Surface Pattern”, del 1976, la consapevolezza politica fa il suo ingresso definitivo nella produzione dell’artista. All’interno di un cubo bianco, dall’aspetto minimalista, si trova un ambiente interamente tappezzato di immagini tratte dai giornali che riportano vari tipi di atrocità avvenute nel mondo. Su queste foto l’artista imprime provocatoriamente la scritta “Not a Performance”, mentre un audio trasmette la sua voce che imita la tipica indifferenza dello spettatore del mondo dell’arte verso questi accadimenti.

Del 1989 è invece “Cornered”, un’opera che incita a scavare oltre le convinzioni rispetto alla propria classificazione identitaria. Nel monologo contenuto in quest’opera è Piper stessa, nel monitor di una TV posta tra due certificati di nascita, a parlare dei complessi meccanismi legati alla determinazione razziale e della storia del meticciato. Davanti al video una platea di sedie ordinatamente allineate forma un triangolo che richiama alcune opere del primo periodo.

Nel 1991 la stampa statunitense si occupò del caso di Anita Hill, una giovane avvocata afroamericana che testimoniò di aver subito molestie sessuali da Clarence Thomas, afroamericano nominato alla Corte Suprema degli Stati Uniti. Il dibattito mediatico, che ebbe anche risvolti razzisti, arrivò a travisare la posizione della vittima facendone una seduttrice e il caso fu tra gli eventi che innescarono l’avvio della terza ondata del femminismo internazionale. La fotografia di Hill all’età di 8 anni, sovraimpressa a un testo in cui Piper riporta commenti censori, è l’elemento costante nella serie Decide Who You Are, del 1992.

In mostra anche l’installazione ambientale “What It’s Like, What It Is #3” quarta versione del lavoro prodotto quando viene invitata da Robert Storr a partecipare alla mostra “Dislocations” al MoMA. L’ambiente minimalista ricorda l’architettura museale asettica in cui vengono generalmente esposti degli oggetti a pubblica vista e al contempo un’arena di epoca romana, con gradinate su cui è possibile disporsi. Nella sala Piper colloca il video di un afroamericano offerto allo sguardo del pubblico, inscatolato in un parallelepipedo al centro della scena, mentre nega una serie di stereotipi sulla propria identità.

Non mancano in mostra anche alcuni dei suoi ultimi lavori, come l’installazione “Das Ding-an-sich bin ich” del 2018, il cui titolo fa riferimento al noumeno kantiano, una realtà che si trova al di là di ciò che appare ai nostri sensi. In quest’opera si ritrovano condensati gli elementi principali che hanno attraversato la ricerca di Piper a partire dagli anni Sessanta fino a oggi: il riferimento diretto alla filosofia e, dal punto di vista linguistico, le forme geometriche e la struttura della griglia a pavimento delle prime indagini concettuali. Su di essa sono disposti otto parallelepipedi a base quadrata con le pareti a specchio, come a voler chiamare in causa il visitatore e renderlo ancora una volta parte dell’opera. Da questi volumi fuoriescono voci che parlano farsi, arabo, islandese, ebraico, turco, gaelico, hindi o somalo. In opere come questa è più che mai evidente come Adrian Piper sia stata capace di portare, all’interno della riflessione concettuale e dell’estetica minimalista, il discorso politico sulla società e in definitiva sull’essere umano.  Anche nella serie fotografica “Race Traitor”, sempre del 2018, che dà il titolo alla mostra, Piper utilizza il proprio ritratto sovrapponendolo ad alcune frasi con l’intento di ironizzare sulla convinzione secondo cui l’aspetto di una persona possa definirne l’identità.

L’esposizione è realizzata grazie a Tod’s, sponsor dell’attività annuale del PAC, e grazie a Limonta main sponsor della mostra. La programmazione del PAC è realizzata grazie anche al sostegno di LCA Studio Legale e al supporto di Vulcano.

La mostra è affiancata da due pubblicazioni edite da Silvana Editoriale: un ampio volume monografico dedicato all’artista con testi inediti del curatore e di Hawa Allan, Peter Eleey, Agata Hofrichter, Lauren O’Neill-Butler, Vid Simoniti, Elvan Zabunyan e la versione in italiano e inglese dell’autobiografia dell’artista “Escape to Berlin: Travel Memoir” (Fuga a Berlino. Memorie di viaggio).

In occasione di Milano Art Week, inoltre, il PAC presenta nell’ambito della mostra il talk “Being alone with the art of Adrian Piper” con Vid Simoniti autore di “Artists Remake the World” (Yale, 2023) e docente di Filosofia presso l’Università di Liverpool. In questo intervento Simoniti analizzerà un tema importante nel lavoro di Piper: l’atto di essere soli con i propri pensieri. Il solipsismo – l’idea filosofica radicale che esista solo il soggetto – è un problema che può essere rintracciato dai primi lavori dell’artista fino ad alcune delle sue serie più recenti. Sebbene Adrian Piper sia nota soprattutto per la sua posizione antirazzista, si parlerà di come la sua arte e la sua filosofia abbiano molto da dire anche su alcuni dei problemi fondamentali della condizione umana: essere soli, essere con gli altri ed essere mortali.
Durante il talk verrà anche presentata la versione inglese e italiana dell’autobiografia di Adrian Piper “Escape to Berlin: Travel Memoir”.

ADRIAN PIPER è nata a New York nel 1948, è artista e filosofa e dal 2005 vive e lavora a Berlino. Dopo un’embrionale fase pittorico-psichedelica. Piper si avvicina all’arte concettuale e dal 1967 inizia a lavorare in questa direzione, riflettendo sui concetti di spazio e di tempo attraverso l’impiego di un’estetica minimalista. In questi stessi anni Piper incontra anche la pratica dello yoga e della meditazione, che tutt’ora l’accompagnano. A partire dagli anni Settanta e Ottanta l’artista comincia a servirsi anche della performance e, accresciuta la propria consapevolezza di donna e di appartenente a una minoranza, porta, all’interno del linguaggio concettuale, contenuti d’impegno sociale e politico, affrontando temi come xenofobia, discriminazione razziale e di genere. Dalla fine degli anni Sessanta Adrian Piper si dedica anche allo studio della filosofia divenendo, nel 1987, presso la Georgetown University, la prima donna americana di riconosciuta discendenza africana a ottenere una cattedra accademica nel campo della filosofia. Nel 2011 l’American Philosophical Association le conferisce il titolo di Professore Emerito. Gli anni dagli Ottanta ai Duemila sono segnati da una progressiva alienazione nei confronti della società americana e dell’ambiente accademico in particolare, per questo nel 2005 Adrian Piper fugge dagli Stati Uniti per trasferirsi a Berlino. Le ragioni di questa decisione sono ben raccontate da lei stessa nella sua autobiografia Escape to Berlin: A Travel Memoir (2018). Nel 2012 inoltre l’artista si congeda dall’“essere nera”, mettendo in discussione la predeterminata identità di afroamericana che le viene attribuita a livello sociale.

 

(17 marzo 2024)

©gaiaitalia.com 2024 – diritti riservati, riproduzione vietata

 




 

 

 

 

 

 

 

 

 



CRONACA

Pubblicità

LOMBARDIA