A Milano passa la candidata di Conte, a proposito dell’uno vale uno….

Share post:

di Giancarlo Grassi, #politica

Il nuovo corso di Conte al M5S non si apre soltanto con una frase uscita male sui talebani e con una pronta vendetta del quotidiano Libero, ma anche con l’imposizione oseremmo dire peccando di deicidio della candidata contiana del M5S alle Amministrative dell’ottobre prossimo. Dopo un lungo tira e molla il M5S, o meglio Conte, ha scelto la sua candidata sindaca: è la manager Layla Pavone.

E’ stata quindi trombata, e ha avuto la grande intelligenza di farsi chissà quanto pacificamente da parte, Elena Sironi, consigliera uscente di Municipio scelta dalla base milanese per sfidare il sindaco Beppe Sala. Lo ha comunicato all’assemblea la stessa Sironi. Insomma in casa cinque stelle pare continuare la fascinazione per l’uno vale uno, ma poi decide il capo.

Pavone, sguardo di ghiaccio e mascella volitiva da manager tutta d’un pezzo, di quelle che ispirano subitanea simpatia, è stata scelta nella notte dopo l’assemblea online e si somma agli altri candidati non politici che preparano la loro battaglia contro Giuseppe Sala per la poltrona di Sindaco di Milano. Una battaglia che, per ora, sembra poco favorevole tanto ai grillini quanto al Bernardo del sono antifascista, ma anche no. Non so a voi, ma a me questa mania di andare a cercare i candidati che dovranno fare politica tra coloro che la politica non l’hanno fatta mai mi sa tanto di suicidio.

 

(21 agosto 2021)

©gaiaitalia.com 2021 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 




 

 

 

 

 

 

 

 

 



potrebbero interessarvi

Ricercata arrestata dalla Polizia di Stato nella stazione di Milano Centrale

di Redazione Milano Ieri, la Polizia Ferroviaria di Milano ha arrestato una cittadina bosniaca di 34 anni perché destinataria di...

Civitas Como sul benessere degli animali d’affezione

di Redazione Como Sul territorio del Comune di Como all'oggi sono presenti 10.160 cani più di 12.000 gatti e 5...

La Corte Costituzionale ferma la legge della Lombardia sui “taser”

di P.M.M. La Corte Costituzionale ha detto no alla possibilità che consentiva alla Polizia Locale do usare i "dissuasori...
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: