Bernardo e la foto col rappresentante comunità LGBTI che non gradisce e la fa rimuovere. Un altro trionfo

Share post:

di Paolo M. Minciotti, #politica

Non ce la fa. Ogni azione di Bernardo, candidato salviniano dal cosiddetto centrodestra, riesce a rivoltarglisi contro come fanno i cobra con le manguste, quasi facesse l’impossibile per perdere le elezioni. E sarebbe bastata la normalità del candidato per raggiungere quell’obbiettivo, francamente non impossibile.

La storia però è gustosa e va raccontata per i posteri. Il Bernardo pubblica un post: “Ieri sera in via Lecco con alcuni amici imprenditori della zona, alcuni residenti e i ragazzi che – assunti dai locali – fanno sicurezza. Ho ascoltato le problematiche del quartiere e anche le proposte per bilanciare gli interessi tra residenti e imprenditori”.

Ma deve avere ascoltato male e di fretta perché subito dopo Paolo Sassiproprietario di un locale della zona che fa molto comunità gay chiamato “Lecco Milano” – alla prima battuta vi fucilo! – e del ristorante Memà, in via Pietro Crespi rende noto di non gradisce l’essere su un social col Bernardo e chiede che il post venga rimosso.

Ergo sul suo profilo Instagram, Sassi pubblica una foto con Alessandro Zan, non nasconde la sua irritazione per il post del Bernardo e fa presente di non avere “nulla da spartire con nessuna forza politica di centrodestra, notoriamente avversa alla mia comunità, anche nella nostra città” e di stare lavorando insieme al sindaco Beppe Sala alla soluzione dei problemi che affliggono i locali notturni milanesi.

Luca Bernardo è già stato fascista e antifascista nello stesso tempo, ha chiesto soldi per la campagna elettorale, ma anche no, ha accusato Sala di essere radical-chic, ma anche no, si è dichiarato antifascista, ma anche no, ha tenuto la pistola in tasca, ma anche in cassaforte e, infine, ha dato dei “pistola” agli elettori di Sala. Cioè a più di mezza Milano che vota. Mancava il suicidio nella gay street con foto al seguito della quale è stata chiesta la rimozione (già avvenuta).

Davvero, ogni volta che si muove il Bernardo è un trionfo.

 

(22 settembre 2021)

©gaiaitalia.com 2021 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 

 



potrebbero interessarvi

Metti che Matteo Salvini si stia “dimenticando” i congressi della “sua” Lega

di Giancarlo Grassi Impegnato com'è con il progetto propagandistico del Ponte sullo Stretto, c'è da sperare che abbia fondamenta più...

L’inverno ucraino potrebbe spingere nuovi profughi in Piemonte

di Redazione Milano Lo spettacolo di Teatro Sociale e di Comunità Kafka of Suburbia di Minima Theatralia | Duperdu...

Civiche benemerenze. Il 7 dicembre cerimonia di consegna al Teatro Dal Verme

di Redazione Milano Mercoledì 7 dicembre, alle ore 10.30, al Teatro Dal Verme (via San Giovanni sul Muro 2),...

Giornata degli Alberi 2022: ecco perché è importante piantare un albero

di Massimo Mastruzzo Anche quest'anno, a novembre, si è celebrata la Giornata Mondiale degli Alberi, anche detta Festa degli Alberi. La ricorrenza risale alla ratifica...
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: