PubblicitàAttiva DAZN
17 C
Milano
17.1 C
Roma
PubblicitàAltroconsumo Investi

MILANO

Pubblicità

MILANO SPETTACOLI

HomeL'Opinione MilanoPrima delle vaccinazioni ad orologeria toccherà imparare a mandare gli SMS, non...

Prima delle vaccinazioni ad orologeria toccherà imparare a mandare gli SMS, non è così Bertolaso?

SEGUITE GAIAITALIA.COM MILANO anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Giancarlo grassi, #Lopinione

E anche la storia del “un vaccino ogni sette minuti” è andata a puttane, causa grande organizzazione della Sanità della Regione Lombardia che non ha nemmeno imparato a mandare gli SMS necessari agli appuntamenti e i vaccinandi ad orologeria non si sono presentati. Un’onta incancellabile e l’ennesima figuraccia del presidenti Fontana con tutti i fontanisti al seguito, Moratti e Bertolaso inclusi, presunti salvatori della patria, al seguito.

Serve un bagno di umiltà e serve subito. Servono le dimissioni di questa giunta incompetente ed incapace di far funzionare la Sanità della Lombardia in un disastro che venticinque anni abbondanti di leghismo centroforzista, tra scandali, arresti ed indagini, hanno costruito mentre tutti, dentro e fuori il Pirellone, vivevano col paraocchi e grazie al paracadute. Neppure le migliaia di morti dovute a Covid-19 li hanno svegliati.

Non bastano tweet e proteste sui social ad uso del popolino che in qualche modo va tenuto tranquillo. La vergogna della sanità del Pirellone è una vergogna sotto gli occhi di tutti: discorsi roboanti, deliri su quantminuti servono per un vaccino, il farsi belli al suono della propria voce che dice in televisione “metto la mia esperienza [sic] al servizio dei Lombardi” non servono più a nulla. Serve una rivoluzione. Serve che Fontana e il leghismo centro-forzista calpestatori della sanità pubblica, insieme al Bertolaso dell’idea geniale dei vaccini ad orologeria, se ne vadano.

Serve, finalmente, competenza. E un sano tornare al benessere dei cittadini. Non occuparsi delle poltrone del Pirellone.

 

Letizia Moratti, dal canto suo, si toglie dall’impiccio con un tweet quasi a dire che la giunta della quale è vicepresidente ed assessore al welfare non abbia nessuna responsabilità nel caos che vige in Lombardia dall’inizio dell’evoluzione pandemica quando l’unica cosa importante sembrava sbraitare che si sarebbero chiesti decine di miliardi di risarcimento alla CinaBoutade finita nel cesso, come tutte le altre.

(21 marzo 2021)

©gaiaitalia.com 2021 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 




 

 

 

 

 

 




LOMBARDIA