Home / Milano & Lombardia Politica / La straordinaria epopea del Grande Giubilato Gallera

La straordinaria epopea del Grande Giubilato Gallera

di Redazione #Milano twitter@milanonewsgaia #Lombardia

 

La battutaccia su ferie e vaccini gli ha fatto veleno. Al Grande Gallera. Persino Salvini non lo vuole più tra i piedi. Dunque la complessa opera di giubilazione con sfiducia che verrà operata all’interno dell’indimenticabile giunta Fontana porterà Gallera lontano dagli occhi e dal cuore lasciando l’augusta poltrona, scaldata da sì nobili terga, verso la metà di gennaio, a tal Zuccotti, preside della Facoltà di Medicina della Statale e primario di pediatria dell’ospedale Buzzi. Secondo Repubblica.

Il forzista Gallera resiste, ma sarà costretto a cedere il posto: dovrà soltanto contrattare l’uscita, vedremo i modi tutti politici che l’uomo scelto dal Mullah – che è l’uomo che comanda in Lombardia nonostante l’arresto e il carcere – utilizzerà per garantirsi un futuro sereno. Potrebbero, con l’uscita di Gallera, cadere più teste, perché ci sono sempre diverse indagini in corso con cellulari sequestrati e robe serie in ballo, altro che le corsette fuori territorio comunale in piena zona rossa e alla faccia di chi rispetta le regole, con tanto di foto su Facebook, perché l‘assessore può. Al contrario dei comuni mortali.

La Lombardia si priverebbe così di un sicuro punto di riferimento per la satira politica, ma potrebbe guadagnarne in attenzione alla salute dei cittadini, fermo restando lo scempio della sanità pubblica già operato dai nomi che si conoscono e che hanno pagato (in parte e troppo poco) per risibili questioni di tangenti e milioni di euro. Così che fa sorridere il battutone di Salvini: “Voglio che il modello Lombardia torni modello per tutti” che non specifica se parla del modello Formigoni. Perché anche lì i lumbard – nel senso di cittadini, ma mica solo – avrebbero già dato.

Il segretario leghista però non ha chiesto la testa di Gallera per amor vostro o perché disturbato dalle uscite inaccettabili dell’assessore belloccio, no. Salvini vuole Palazzo Marino e pensa di rifare il look all’indimenticabile giunta Fontana per avere una ricaduta d’immagine, diciamo, che gli permetta di vincere la poltrona di Sindaco.

Salvini è abile, è furbo, è opportunista, ma non è certo uno stratega, e gli esempi dell’Emilia-Romagna, della Puglia e della Toscana dove le ha prese di santa ragione, non gli hanno insegnato niente. Così vedrete che anche il nuovo assessore alla Sanità si troverà imbrigliato nelle medesime, malate dinamiche, nelle quali è imbrigliata l’indimenticabile giunta Fontana. Tocca solo aspettare. Poi la satira avrà di nuovo materiale  di lavoro. E i lombardi la solita sanità alla Gallera con contorno di Leghisti. Quel Gallera che delirava di “lussuose stanze private” date ai “pazienti ordinari di coronavirus”.

 

(5 gennaio 2021)

©gaiaitalia.com 2021 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 




Share and Enjoy !

0Shares
0 0

2 commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi